Macrolibrarsi.it un circuito per lettori senza limiti
Home / Addii / Valencia. Il Toro di Fuoco muore durante l’encierro: gli viene un infarto e il cuore si ferma

Valencia. Il Toro di Fuoco muore durante l’encierro: gli viene un infarto e il cuore si ferma

Continuano le barbare tradizioni di tauromachia in Spagna (e non solo), perlopiù in un silenzio piuttosto generalizzato a meno che non raggiungano i mezzi di informazione perché, durante il loro svolgimento, accade qualcosa di peculiare e diverso dal solito massacro.

E’ accaduto negli scorsi giorni a Nules, comune spagnolo della comunità automa valenciana, dove un toro suo malgrado coinvolto nella raccapricciante tradizione del Bou Embolat è morto d’infarto per il terrore. Il Bou Embolat, lo ricordiamo, è uno dei tanti nomi dati al Toro di Fuoco, che prevede che le corna del bovino vengano avvolte in stracci intrisi di materiale infiammabile e incendiate.

L’animale, folle di terrore a causa del fuoco e ferito agli occhi, alla testa e al dorso, e poi costretto a subire ore di pungolamenti e tormenti da parte dei partecipanti all’evento e, infine, viene ucciso o portato in mattatoio per essere macellato.

Fine diversa per l’individuo rimasto vittima dell’ultima edizione di Nules, a cui ha letteralmente ceduto il cuore. Secondo quanto riportato da El Mercantil Valenciano, il povero animale è crollato a terra a cinque minuti dalla fine dei tormenti, in piazza e di fronte a centinaia di testimoni.

I supporter della tauromachia si sono affrettati a coprire le tracce, nascondendo l’animale dietro a un telo, ma era tardi. Diversi presenti riferiscono che il toro si è dapprima “inginocchiato” a terra, nel momento in cui le zampe anteriori hanno ceduto, e poi è collassato del tutto in posizione di decubito laterale. Dopo qualche minuto di agonia, è morto. La causa della morte è stata un infarto.

Si chiamava Shotgun e già durante la tortura aveva mostrato infinita prostrazione e cedimento. Dopo la morte, avvenuta poco prima della mezzanotte, gli organizzatori degli eventi di Soledad de Nules hanno deciso di continuare con il programma consueto.

Il sindaco di Nules, David Garcia, ha semplicemente commentato: “Sono cose che succedono”.

Foto: un esempio di Bou Embolat ad Almassora (repertorio).

A seguire: una dimostrazione video di cosa sia il Bou Embolat.

© All4Animals - tutti i diritti riservati - la riproduzione di questi contenuti è soggetta all'autorizzazione dell'autore degli stessi.

7 Commenti

  1. Cossutta Marinella

    Ma è possibile che anche le nuove generazioni spagnole accettino questi orrori. È una vergogna torturare in questo modo questi poveri animali, questo sarebbe un paese civile? !

  2. Solita crudeltà gratuita

  3. Una prece in ricordo di quel toro che si è visto davvero la morte in faccia.
    Gli organizzatori di questa barbarie dovrebbero finire tutti morti di morte violenta! Schifosi!

  4. Giovanni Guastella

    Stop cruelty

  5. Ce solo una cosa da dire in merito… e un popolo di sanguinari criminali

    Vergognatevi !

  6. Gli stracci imbevuti di liquido infiammabile li avvolgerei alle orecchie dei festanti … chissà mai che si rendano conto che tanto festa non è

  7. Che popolo di barbari……….ignoranti, rimasti al medioevo ……..
    Ma quando finirà tutto questo?????????
    Ma non si rendono conto di come sono ridicoli?????? Scaricano le loro frustrazioni su un animale
    che poverino…….per prendere un infarto non oso immaginare la paura e il terrore che ha provato………
    Che energumeni gli spagnoli…..

I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo. Più info | Ok, Accetto!
Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com