Macrolibrarsi.it un circuito per lettori senza limiti
Home / Cronaca / Cecina: gli animali al mattatoio si lamentano troppo. Protestano i residenti

Cecina: gli animali al mattatoio si lamentano troppo. Protestano i residenti

 

Piace mangiare la carne, ma non ascoltare la sofferenza e le urla di dolore e terrore che nasconde: a Cecina, nella zona della Magona, i residenti si lamentano per i suoni che provengono dal vicino mattatoio. Lo riporta il quotidiano LaNazione.

“Lamenti e gemiti durante i fine settimana, dal venerdì al lunedì mattina”, scrive il giornale. Infastidiscono gli abitanti del quartiere, assieme al ritardo nel provvedimento di trasferimento del macello lontano dal centro abitato – dove occhio non vede e cuore non duole.

I residenti, spiega ancora la testata, “durante i weekend sono costretti a convivere con i “pianti” del bestiame” detenuto al mattatoio comunale, che dovrebbe essere trasferito (ma non si sa quando) all’interno dei magazzini Conad sulla via Emilia.

LaNazione tiene a precisare, comunque, di non stare scrivendo ” in merito al maltrattamento degli animali, anche perché alle autorità non risultano situazioni di tal genere considerando che ad ogni processo di lavorazione è presente un veterinario della Asl” (sic).

Ma i residenti vogliono dormire “sonni tranquilli” durante il fine settimana, e il mattatoio – e le sue bestie lamentose – devono essere spostati altrove. Lontano dagli occhi, dalle orecchie, dalla coscienza.

Nella foto: un vitello in mattatoio (archivio blog). NB: suggeriamo ai commentatori improvvisati di informarsi su cosa significa “foto di repertorio” e “foto di archivio”. Focalizzare l’attenzione sulla foto, criticandola perché non proveniente dal macello in questione (ovviamente), senza considerare il contenuto dell’articolo è indice di pochezza intellettuale.

© All4Animals - tutti i diritti riservati - la riproduzione di questi contenuti è soggetta all'autorizzazione dell'autore degli stessi.

6 Commenti

  1. [moderato nel rispetto delle linee guida del blog] La razza umana è la sottospecie di ogni forma di vita, merita l’estinzione, non si evolve.

  2. Anche i campi di concentramento erano “lontano dagli occhi lontano dal cuore”… riflettiamo…
    Essere infastiditi dalla sofferenza altrui e non compartecipi, non mi pare indice di umanità ma soltanto di vigliacca cattiveria.
    Quando passo soltanto davanti ad un macello, senza neppure sentire gemiti, mi si stritola il cuore e lo stomaco dalla sofferenza e nella mia “mente malata” (come molti penseranno) non riesco a concepire come tanto abominio sia legale, normale e accettato dalla maggior parte delle persone.

  3. Carmen Epiceno

    Credo che gli animali vengano maltrattati, prima che li uccidano. Le loro urla disperate, sono piene di dolore e di terrore. Poveretti, che pena! L’immagine è davvero forte, anzi mostruosa! Non capisco tutta questa necessità di mangiare carne. Da parecchi anni non la tocco, eppure sto benissimo!!!
    Gli animali dovrebbero vivere serenamente la loro vita! purtroppo gli viene impedito, ed è una vera tristezza!!!

  4. Una mostruosità che sconvolge l’anima degli uomini giusti!

  5. Perche ce il veterinario non maltrattano quelle povere creature…ma stiamo scherzando
    quello e e si chiama maltrattare l’Animale

    VERAMENTE DA VERGOGNARSI mangiare la carne come scrivete x quello non si lamentano ma sentire le urla quello disturba. quelle persone le farei andare a vedere poi vorrei vedere se lo ridicano

    VERGOGNA

    “una civiltà sana si riflette nel rispettare gli Animali”
    Lee Jones

I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo. Più info | Ok, Accetto!
Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com