Home / Cronaca / Scozia: il cane abbandonato in stazione perché “non somigliava a quello visto in foto”

Scozia: il cane abbandonato in stazione perché “non somigliava a quello visto in foto”

È piuttosto nota la notizia del ritrovamento di un cane, in Scozia, abbandonato in stazione con una valigia che conteneva i suoi effetti personali. Ma è recentissimo l’aggiornamento sulla vicenda: la responsabile dell’abbandono di Kai, un bellissimo mix di shar-pei per cui centinaia di famiglie si sono ora rese disponibile, è stata individuata.

Secondo quanto pubblicato dal Daily Mail, la persona che ha abbandonato Kai legandolo alla ringhiera della stazione dei treni è la 39enne Fin Rayner che, rintracciata, continua a ritenere di non aver fatto “nulla di male”.

La donna, madre di una bambina, racconta di aver abbandonato il cane a se stesso perché l’acquisto che avrebbe dovuto riguardarlo “non era andato a buon fine”. In particolare, la Rayner racconta di essere arrivata in stazione con l’intenzione di acquistare, per 400 sterline, il cane “scelto” attraverso una pubblicità online.

Ma una volta sul posto, assieme alla figlia di nove anni, ha guardato Kai (il cui vero nome è in realtà Pluto) e ha constatato con disappunto che “non somigliava affatto all’animale della pubblicità”.

“Sono andata lì per comprare un cane ma il cane non era lo stesso pubblicizzato nella foto”, dichiara candidamente la donna al Daily Record. “Ho detto che volevo portare il cane a fare un giro, e il venditore mi ha chiesto 150 sterline di deposito nel caso in cui non fossi tornata. Poi ha preso l’auto e se n’è andato. Io l’ho chiamato al telefono e gli ho detto che avrebbe fatto meglio a tornare per riprendersi il suo cane, ma lui non si è più fatto vedere”. Si è poi lamentata del fatto che il cane “non si calmava, tirava al guinzaglio e faceva pipì ovunque”.

La Rayner sostiene di soffrire di attacchi di panico e di averne avuto uno pensando di avere con sé un cane rubato: pertanto, siccome doveva prendere l’ultimo treno per Aberdeen, ha semplicemente deciso di abbandonare Kai a se stesso, legandolo a un’inferriata.

Soltanto successivamente il cucciolone è stato notato da un dipendente delle ferrovie, che ha chiamato la Protezione Animali scozzese perché venisse ad aiutarlo. Nella valigia abbandonata assieme a Kai c’erano un giocattolo, una ciotola, cibo per cani e un cuscino.

Oggi, Kai non ha più nessun problema e dopo i dovuti accertamenti la SPCA deciderà di affidarlo a una nuova famiglia: le richieste di adozione, per lui, sono state centinaia e provenienti da tutto il mondo.

Ma la giustificazione fornita per il suo abbandono è, ad oggi, una delle più ciniche e ingiustificabili che sia mai capitato di sentire.

Nella foto: Kai, il cane salvato (fonte DailyMail).

© All4Animals - tutti i diritti riservati - la riproduzione di questi contenuti è soggetta all'autorizzazione dell'autore degli stessi.

8 Commenti

  1. Esempio eclatante di umanità moderna, progressista e molto avanzata.
    La solita vergogna infinita, il problema è che stà gentaglia si riproduce pure.

  2. Sono d’accordo. ..ai deficienti dovrebbe essere vietato averne qualsiasi animale..compresa sta sema.

  3. intanto i cani non si dovrebbero comprare perchè un amico non si compra e, per un animale comprato, ne rimangono decine abbandonati nei canili, e poi, prima di avere un cane forse sarebbe il caso di spiegare a queste persone che un animale non è un peluche.

  4. Andrea Prazzoli

    Mi dispiace solo che il cane non abbia potuto abbandonati in stazione legata a un palo perché… non corrispondevi all’immagine di padrona che gli avevano mostrato in foto …

  5. Si veramente anche se non era come lo avevi visto in foto ormai era li non si poteva abbandonare a se stesso comunque meglio cosi’Kai come scrivete a trovato una famiglia vera ciao buoha vita a tutti voiiiiiiiii <3 <3 <3

  6. Scemo più scemo! E comunque, siamo alle solite: come si fa a dare un cane a chi lo ha visto per un minuto in fotografia? Succede anche da noi con le adozioni, purtroppo! Quante volte abbiamo tutti letto di gente che ha adottato un animale qualsiasi visto in foto, evidentemente senza ben sapere cosa stava facendo, per poi restituirlo dopo un giorno, una settimana, un mese, un anno……

  7. Ai deficienti dovrebbe essere vietato tassativamente di avere un animale.

  8. Non so più cosa dire x tanta crudeltà umana !!!

I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo. Più info | Ok, Accetto!
Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com
error: A causa di comportamenti scorretti e illegali di alcuni siti, siamo stati costretti a disabilitare la possibilità di copiare i contenuti del blog. Ci scusiamo con i lettori per il disagio.