Home / Addii / Verona: capretta gettata nel cassonetto assieme ai suoi piccoli, morti di freddo

Verona: capretta gettata nel cassonetto assieme ai suoi piccoli, morti di freddo

Si è salvata ma ha visto morire di freddo i suoi piccoli appena partoriti, la capretta trovata in un cassonetto dell’immondizia a Verona.

La notizia risale a qualche giorno fa, quando la dipendente di un negozio di via Scarsellini ha udito i flebili lamenti provenire dall’immondizia: la capra, assieme ai suoi due cuccioli e a un altro cucciolo di circa un mese e mezzo di vita, era stata chiusa in un sacco di plastica e gettata via come se fosse un rifiuto.

Sul posto, dopo qualche inutile telefonata ai soccorsi per legge preposti a questo genere di interventi, sono giunti in aiuto i volontari del Parco Natura Viva.

Il direttore scientifico del Parco, Cesare Avesani Zaborra, non ha potuto fare altro che constatare che i tre cuccioli erano già morti di freddo e che la madre versava in gravissime condizioni: è stato infatti subito chiaro che la capretta era malnutrita e ipotermica.

Spiega il direttore: “L’abbiamo scaldata con delle stufate messe a disposizione del negozio, ma i segnali non erano rassicuranti: aveva partorito poche ore prima, i due neonati avevano ancora il cordone ombelicale attaccato e lei non alzava la testa. Né lei né gli altri animali avevano segni di traghettatore obbligatoria, erano evidentemente malnutriti e malgestiti e anche detenuti clandestinamente”.

La capretta è stata successivamente trasferita presso la sede dell’associazione Verdeblu. La speranza, ora, è che si riprenda completamente in modo da poterla inserire nella fattoria didattica del posto, assieme a venticinque sue simili.

AGGIORNAMENTO: la capretta è purtroppo deceduta nei giorni seguenti al ricovero.

Nella foto: la capretta soccorsa (fonte Quotidiano).

© All4Animals - tutti i diritti riservati - la riproduzione di questi contenuti è soggetta all'autorizzazione dell'autore degli stessi.

9 Commenti

  1. Grazie per l’aggiornamento, Davide. Una carezza a questa mamma… :'(

  2. Grazie a chi ha tentato di salvare questa creatura, io vivo in provincia di Vicenza, quindi molto vicino a Verona e purtroppo anche qui non si è immuni dalla crudeltà verso i nostri fratelli animali.

  3. grazie degli aggiornamenti, Davide. Non ne avevamo trovati sulla madre. Che tristezza.

  4. Purtroppo anche la madre è morta a causa di complicazioni nella notte…
    È successo se non ricordo male la notte di capodanno e per caso lessi la notizia sul giornale online di Verona ( in questo caso ahimè dove vivo) e per tutto il giorno non feci altro che imprecare e sperare nella sofferenza del subumano che ha fatto ciò..

  5. Grazie a tutte quelle persone che hanno profuso il loro impegno per aiutare questa capretta e i suoi cuccioli purtroppo morti, grazie tante.

    Elisabetta gli animali non si ribellerebbero mai in quanto ad ogni modo non conoscono la cattiveria e la vendetta e la crudeltà, sentimenti tipicamente umani…

    Quale bestia infame getterebbe una capretta incinta in un cassonetto dell’immondizia?
    Certo è vero che buttano pure i bambini…e onestamente ci vorrebbe un un po’ di pulizia, fatta come si deve!

  6. Scusate ma non ce la faccio ad avere toni moderati e civili di fronte a tale crudelta’, immoralita’, incivilta’ e cattiveria tutta umana…………….

  7. Buona vita piccola

  8. Mi piacerebbe se un giorno tutti gli abusati del mondo si ribellassero contro i propri carnefici ed aguzzini. ma questo resta un sogno. Si sa quanto mansuete siano le vittime innocenti e questa capretta non fa eccezione. A chi ha fatto questo auguro il peggio che la vita e l’oltretomba possano riservargli.

  9. Poco da commentare. L’incivilta avanza e queste creature pagano per l’ignoranza e dell’indifferenza anche di chi dovrebbe tutelare…..

I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo. Più info | Ok, Accetto!
Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com
error: A causa di comportamenti scorretti e illegali di alcuni siti, siamo stati costretti a disabilitare la possibilità di copiare i contenuti del blog. Ci scusiamo con i lettori per il disagio.