Home / Addii / Rimini, il CRAS di Torre Pedrera: “Arresi al silenzio dell’amministrazione, chiudiamo dopo 25 anni”

Rimini, il CRAS di Torre Pedrera: “Arresi al silenzio dell’amministrazione, chiudiamo dopo 25 anni”

Il CRAS di Torre Pedrera ha cessato ufficialmente la propria attività a partire dal primo gennaio 2015. Il Centro, deputato al soccorso e al recupero degli animali selvatici in difficoltà nella provincia di Rimini, ha chiuso dopo 25 anni di onorata carriera e l’addio, inevitabilmente, è colmo di amarezza.

Il presidente del WWF di Rimini, Antonio Cianciosi, commenta: “Dopo ben 25 anni spesi a tutela della fauna selvatica e dopo aver superato mille difficoltà, il centro è stato costretto ad arrendersi ai problemi sorti in questi ultimi anni, dovuti in gran parte alle mancate risposte dell’Amministrazione Provinciale alla quale, evidentemente, non è interessato garantire questo servizio per i cittadini e per gli animali”.

Cianciosi sottolinea che, negli ultimi cinque anni, sono stati lanciati numerosi appelli sia all’ex presidente della Provincia, Vitali, che agli assessori provinciali competenti che si sono susseguiti – prima Sadegholvaad e poi Magrini. Tuttavia, nessuna risposta per continuare l’attività del CRAS sarebbe mai stata ottenuta.

Il Centro Recupero Fauna Selvatica di Torre Pedrera chiude quindi per mancanza di spazi e strutture idonee.

Il CRAS era nato nel 1989 su un’area privata, grazie all’impegno dei volontari WWF di Rimini, con l’obiettivo di difendere e tutelare la fauna selvatica, gli ecosistemi e la biodiversità e in oltre vent’anni di carriera ha salvato un numero impressionante di animali.

Questa vicenda rappresenta una sconfitta cocente per la provincia di Rimini e per l’Italia tutta.

Foto: archivio.

© All4Animals - tutti i diritti riservati - la riproduzione di questi contenuti è soggetta all'autorizzazione dell'autore degli stessi.

7 Commenti

  1. Sì, va bene tutto, sulle istituzioni stendiamo un velo pietoso, ma, cazzarola, io mi domando e dico: Ma perché non se ne fanno carico le associazioni animaliste miliardarie???? Non ho idea di quanto possa costare mantenere in vita un CRAS, ma, con tutti i soldi che hanno….. Che li usino per gli animali ecchecavolo!!!!!!

  2. Ma certo in questo c…o di paese per le Associazioni di Volontariato i soldi non si trovano mai! se ne vanno tutti per le abbuffate e i capricci delle migliaia di assessori, consiglieri, politicanti e chi più ne ha più ne metta. Resta sempre e solo la rabbia e l’amarezza, perchè, da parte mia, la speranza che le cose cambino si è spenta da un pezzo.

  3. E se tutti coloro che amano gli animali non andassero più in vacanza a Rimini e dintorni?????

  4. Apriamo benissimo l’anno vedo.
    Evidentemente il CRAS non porta voti e soldi nelle tasche dei soliti politicanti (e nelle cassa delle lobbies della caccia).

    Mi auguro che entro l’anno si estinguano i politici, anzi come precedentemente specificato gli antipolitici come questi, visto che sono solo un cancro per la società, per gli animali, per l’ambiente per tutti e per tutto.

    Sono dei falliti che non valgono nemmeno l’aria sporca che respirano.

  5. Se ci fosse una vera politica la struttura ci sarebbe ancora,a che serve eleggere gentucola che sà operare solo se ci sono i soldi?,io credo che il vero politico è colui che trova soluzioni valide e che non ha paura delle crisi ma ha la forza dei progetti.

  6. Dov’è la politica entra il marciume. Che peccato!

  7. stiamo proprio fallendo come paese su ogni fronte……..davanti a noi …..il nulla

I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo. Più info | Ok, Accetto!
Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com
error: A causa di comportamenti scorretti e illegali di alcuni siti, siamo stati costretti a disabilitare la possibilità di copiare i contenuti del blog. Ci scusiamo con i lettori per il disagio.