Home / Addii / Prov. di Novara: proiettili d’acciaio per uccidere i piccioni, perché il piombo inquina

Prov. di Novara: proiettili d’acciaio per uccidere i piccioni, perché il piombo inquina

Il Comune di Borgolavezzaro, in provincia di Novara, ucciderà i piccioni che “invadono” il suo territorio con proiettili d’acciaio.

Secondo quanto riportato da La Stampa, la soluzione sarebbe “ecologica” perché il piombo contenuto nei proiettili regolari è, come è risaputo, fonte di grande inquinamento.

In particolare, gli animali che verranno uccisi sono quelli che sono soliti stanziare sul tetto della chiesa (sic), in barba all’amore per il creato.

La Stampa sottolinea che gli ambientalisti avevano contestato la caccia con proiettili a base piombo per il suo alto potere inquinante.

Nel solo 2014, a Borgolavezzaro, sono stati uccisi 2200 piccioni: all’incirca uno per ogni abitante.

Foto: archivio.

© All4Animals - tutti i diritti riservati - la riproduzione di questi contenuti è soggetta all'autorizzazione dell'autore degli stessi.

4 Commenti

  1. Perchè l’acciacio non inquina?
    Io direi che ad inquinare le nostre vite, l’ambiente e gli animali è la politica, anzi l’antipolitica.
    Come questa.

  2. Laura Spinetti

    Nessun altro essere quanto l’uomo sta invadendo e devastando il territorio e allora perché non mettono la legge del figlio unico?

  3. quindi gli ambientalisti hanno risolto il problema ambiente sostituendo il piombo con l’acciaio e gli animalisti come sempre rimangono con il culo per terra ….mo, vè ,che robe……e come dice Elisabetta che schifo o umanità che schifo…..

  4. Che schifo, o umanità! Che schifo!

I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo. Più info | Ok, Accetto!
Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com
error: A causa di comportamenti scorretti e illegali di alcuni siti, siamo stati costretti a disabilitare la possibilità di copiare i contenuti del blog. Ci scusiamo con i lettori per il disagio.