Home / Addii / Lecce: cani morti da quasi un anno e ancora legati alle catene. Sequestrato l’unico superstite

Lecce: cani morti da quasi un anno e ancora legati alle catene. Sequestrato l’unico superstite

“Morti da quasi un anno ma ancora legati alle catene che li imprigionavano: così sono state trovate 3 carcasse di cani dalle Guardie Zoofile OIPA Lecce.

Sequestrato un pastore tedesco superstite.

A seguito di una segnalazione le guardie zoofile OIPA Lecce hanno portato alla luce un inquietante scenario nella riserva naturale del Parco Regionale Punta Pizzo. Un volontario della zona, nel tentativo di recuperare una cagnolina vagante sulla superstrada Lecce-Gallipoli, si è imbattuto nelle carcasse di tre cani, di cui ormai restavano solo ossa e pelo, con i collari ancora attaccati alle catene che li tenevano legati agli alberi. Informate del fatto, le guardie zoofile OIPA si sono recate sul posto trovando, accanto ai resti, anche un giovane esemplare femmina di pastore tedesco legata ad un albero con un catena di circa 50 cm, senza acqua né cibo a disposizione. L’animale, denutrito e traumatizzato, è stato sequestrato e trasferito nel canile competente.

Le prime analisi sulle carcasse hanno permesso di appurare che la morte degli animali risaliva ai primi mesi del 2014 ed era probabilmente giunta per stenti. Tra i resti è stato possibile risalire ad un microchip e sporgere quindi denuncia nei confronti di C.M., un abitante di Alezio (LE), per maltrattamento e uccisione di animali.

“Siamo sconcertati dal livello di crudeltà raggiunto da chi ha legato dei cani abbandonandoli completamente a sé stessi fino a indurli ad una atroce morte per stenti – ha commentato Danilo Pati, coordinatore nucleo guardie zoofile OIPA Lecce – Stiamo purtroppo riscontrando quanto questa pratica si stia diffondendo, figlia di una odiosa mentalità che vede i cani come oggetti di cui disporre e disfarsi quando non sono più utili. Chiediamo quindi la collaborazione della cittadinanza affinché vengano segnalate prontamente situazioni di cani in stato di abbandono legati in campi o simili, per evitare di assistere nuovamente a scenari drammatici come questo”.”

Comunicato stampa pubblicato da OIPA a questo link.

Nella foto: l’unico cane superstite, poi soccorso (fonte OIPA).

© All4Animals - tutti i diritti riservati - la riproduzione di questi contenuti è soggetta all'autorizzazione dell'autore degli stessi.

4 Commenti

  1. Altro che denunce, qua ci vorrebbero galera e lavori forzati!

  2. Bravo Ivan!!!!!! Però, è mai possibile che nessuno si sia accorto prima di quei cani condannati a morire di stenti????? Nessuno è mai passato di lì, prima santamadonna????

  3. ma perchè ,avendo trovato il proprietario di quei cani,non lo si condanna come si deve e prima del processo legarlo a catena come ha fatto lui e farlo poi morire di stenti?Initalia purtroppo si fanno tante parole e pochi fatti

  4. Dove abita ad Alezio questo bastardo che lo vado a prendere da casa!

I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo. Più info | Ok, Accetto!
Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com
error: A causa di comportamenti scorretti e illegali di alcuni siti, siamo stati costretti a disabilitare la possibilità di copiare i contenuti del blog. Ci scusiamo con i lettori per il disagio.