Home / Addii / [VIDEO] Il 2014 degli animali: ecco le vittorie animaliste e il video degli addii

[VIDEO] Il 2014 degli animali: ecco le vittorie animaliste e il video degli addii

Il 2014 è finito, ed è arrivato il momento dei bilanci.

Riportiamo di seguito alcune delle maggiori vittorie animaliste dell’anno appena trascorso.

Si tratta di traguardi raggiunti in tutto il mondo e certamente noterete, con una certa delusione (ma, siamo certi, senza sorpresa) che l’Italia non ha ottenuto granché. Proprio per questa ragione, in chiusura dell’elenco delle vittorie, elenchiamo un campione indicativo di desolanti notizie provenienti dal nostro Paese che, purtroppo, mostrano appieno l’arretratezza culturale che ancora vi alberga, in termini di diritti animali.

In ogni caso, da parte di tutto il nostro staff, sinceri auguri per uno splendido 2015: che sia l’anno della svolta!

Diritti animali: cosa è stato ottenuto nel 2014:

Colombia: la metropoli Bogotà mette al bando, dal 1 gennaio 2014, la circolazione di veicoli a trazione animale.

Svezia: la Corte Amministrativa di Stoccolma proibisce, nel gennaio 2014, l’annuale caccia al lupo.

Belgio: il Ministero della Sanità pone il veto all’utilizzo di animali selvatici nei circhi.

Albania: il Ministero dell’Ambiente proibisce qualunque attività venatoria per almeno due anni, a causa della decimazione delle specie animali nel Paese.

Panama: l’Autorità Nazionale Ambientale fa divieto di detenere e utilizzare animali selvatici nei circhi, con effetto immediato.

Kurdistan: diversi cacciatori decidono di bruciare le loro armi e di dedicarsi alla protezione della fauna del Paese, ormai decimata dall’attività venatoria.

Cina: la compagnia aerea China Southern Airlines decide di mettere fine al trasporto di primati vivi destinati ai laboratori di sperimentazione animale.

Uruguay: l’apprezzato presidente José Mujica firma il primo, importante decreto di protezione degli animali nel Paese. Le nuove norme prevedono sanzioni e carcere.

Stati Uniti: viene presentata al Congresso la proposta per abolire i test cosmetici sugli animali.

Micronesia: nell’intero Stato di Palau, composto da 250 isole, viene proibita la pesca (ad esclusione di quella di sostentamento). La nazione si trasforma in un gigantesco santuario marino.

USA: il corriere TNT rifiuta di trasportare primati destinati ai laboratori di sperimentazione animale.

Lussemburgo: la Corte Internazionale di Giustizia dell’Aja ordina al Giappone di sospendere il massacro delle balene a scopo scientifico, bollandolo come “privo di qualunque scientificità”. Il Giappone, tuttavia, dichiarerà di non avere intenzione di recepire la sospensione.

Italia: la Corte di Cassazione di Rimini conferma il sequestro del Delfinario di Rimini. Tuttavia, la struttura riaprirà come “spettacolo itinerante” alcuni mesi dopo, con altri animali.

Italia: nel periodo pasquale si verifica un’impressionante flessione nella vendita di carne d’agnello e di capretto. Il 58% degli italiani sceglie di non consumarlo.

Cina: il governo approva nuove regolamentazioni a tutela degli animali a rischio di estinzione, con pene detentive fino a 10 anni per chi deciderà di cibarsene.

India: la Corte Suprema fa divieto completo di utilizzare i tori in qualunque tipo di performance pubblica.

Italia: a Milano nasce il centralino unico per la tutela degli animali, attivo 24 ore su 24.

Italia: assolto il tenente dell’esercito Barbara Balanzoni, finita sotto processo per aver salvato un gatto in Kosovo.

Italia: inizia presso il Tribunale di Brescia il processo contro i gestori e rappresentanti di Green Hill.

Romania: l’associazione internazionale Vier Pfoten riesce a far sospendere, almeno momentaneamente, la legge ammazza-randagi. Le uccisioni, tuttavia, continueranno nei canili statali in un silenzio pressoché assordante.

Stati Uniti: lo Stato di New York presenta un disegno di legge per vietare tatuaggi e piercing sugli animali domestici.

Cina: il governo fa decadere l’obbligo di sperimentazione animale per i cosmetici.

India: il Governo proibisce l’importazione del foie gras su tutto il territorio nazionale.

Sudafrica: un bracconiere di rinoceronti viene condannato a una pena detentiva di 77 anni.

Spagna: la città di Mataelpino sostituisce i tori da encierro con una palla gigante.

Stati Uniti: la Corte Suprema dell’Oregon attribuisce per la prima volta agli animali lo status di “vittime” e non di cose danneggiate.

India: viene ufficialmente bandito qualunque sacrificio animale nello Stato dell’Himachal Pradesh.

Spagna: le pressioni dell’opinione pubblica portano alla sospensione, almeno per il 2014, del Toro Embolao a Callosa de Segura.

Italia: per la prima volta nel Paese si procede al sequestro di tutti gli animali di un circo. Succede a Olbia.

Stati Uniti: dopo quasi due anni di caccia serrata, viene finalmente restituita la protezione federale ai lupi dello Stato del Wyoming.

Italia: l’Istituto Mario Negri Sud finisce a processo per “uccisione non necessitata di animali”.

India: la città di Palitana è la prima al mondo ad essere dichiarata vegetariana per legge.

Grecia: il governo inasprisce le pene per gli aguzzini di animali.

Danimarca: il governo cerca di bandire la zooerastia attraverso una legge specifica.

Stati Uniti: viene confermato il bando al foie gras in tutto lo Stato della California.

Israele: bandito su tutto il territorio l’utilizzo di carrozze trainate da asini e cavalli, ad eccezione di speciali concessioni turistiche.

Brasile: lo Stato di San Paolo vieta l’allevamento di animali da pelliccia.

Ecuador: l’ONU delibera formalmente in favore dei cetacei vietando la loro cattura per utilizzi commerciali o detenzione in parchi acquatici.

Italia: viene garantita la salvezza di Camilla, la mucca scappata da un allevamento a Vinci. L’animale viene trasferito in un santuario, dove vivrà per il resto della sua vita.

Norvegia: pur non proibendo ancora la caccia alla foche, il governo ne riduce finalmente i finanziamenti.

Svizzera: il Consiglio Nazionale approva finalmente la mozione che proibisce l’importazione e il commercio di prodotti di foca in tutto il Paese.

Messico: il Governo approva con ampia maggioranza la messa al bando dei circhi con animali da tutto il territorio nazionale.

Paesi Bassi: ufficiale, dal 15 settembre 2015, la proibizione di utilizzo di animali esotici nei circhi.

Argentina: l’orango Sandra, da sempre detenuto, viene ufficialmente dichiarato “persona non umana” e ricondotto in libertà. 

Nel frattempo, in Italia…

Marzo 2014: la Provincia di Pistoia esclude dall’obbligo di soccorso stradale cervi, daini, cinghiali e caprioli.

Marzo 2014: a Roma viene respinta la proposta di abolire le famigerate botticelle.

Marzo 2014: al Palio di Siena corre, come se nulla fosse, anche il fantino squalificato mesi prima per aver causato la morte del cavallo Mamuthones.

Luglio 2014: nonostante il sequestro, il Delfinario di Rimini riapre con tre otarie. A firmare l’autorizzazione è il sindaco.

Luglio 2014: le associazioni animaliste italiane denunciano che la Giunta Marino, a Roma, non tutela gli animali.

Luglio 2014: il Governo propone di eradicare le specie animali non autoctone.

Luglio 2014: la Provincia di Trento dà l’ok alla licenza che autorizza l’abbattimento degli orsi a rischio. A farne le spese sarà, prima di chiunque altro, Daniza.

Luglio 2014: il governo conferma l’uso dei richiami vivi nella caccia.

Luglio 2014: durante l’annuale Giostra dell’Orso muoiono due cavalli.

Agosto 2014: a seguito dell’approvazione del decreto competitività sulla caccia, ENPA dichiara: sarà una strage di animali selvatici.

Agosto 2014: in Piemonte viene richiesta la possibilità di abbattere i lupi.

Settembre 2014: il Comune di Torino vieta di nutrire i colombi.

Settembre 2014: dopo quello che ENPA definisce un “annus horribilis” per gli animali, riprende senza colpo ferire la caccia. 

Settembre 2014: per la Procura di Trento, chiamata a indagare sulla morte di Daniza, non c’è reato. Pertanto non si procederà con il sequestro dei cuccioli rimasti abbandonati a se stessi.

Settembre 2014: le associazioni denunciano l’Italia alla Commissione Europea in merito al caso Daniza. 

Settembre 2014: il sindaco di Verona, Tosi, emette un’ordinanza per abbattere i lupi. Viene denunciato dalla Guardia Forestale. Successivamente, l’ordinanza verrà sospesa. 

Ottobre 2014: ENPA denuncia che, in Italia, sono state stanziate solamente 80mila euro per la ricerca di metodi alternativi alla sperimentazione sugli animali.

Novembre 2014: la Lega del Cane ribadisce che, in Italia, il randagio è una piaga vergognosa che continua a dilagare nella sostanziale indifferenza delle istituzioni.

Dicembre 2014: viene chiesta l’archiviazione del caso Daniza perché, secondo il giudice, non vi sono rilievi penali di sorta.

 ***

Di seguito, il nostro consueto video di addio ad alcuni degli animali che abbiamo perso durante il 2014 appena trascorso. Ciascuno di loro è ambasciatore anche per gli individui che non sono citati nel filmato.

Foto: archivio.

© All4Animals - tutti i diritti riservati - la riproduzione di questi contenuti è soggetta all'autorizzazione dell'autore degli stessi.

14 Commenti

  1. Il video è davvero triste,ci consoliamo con le vittorie che speriamo siamo ancora molte.

  2. Caro Johnny, il tuo commento è perfetto per un articolo a sé stante. Commenti come questo dovrebbero fare il giro del web.
    Un abbraccio e, inutile dirlo, sono d’accordo su quanto scrivi.

  3. Grazie di cuore per il dossier/resoconto, purtroppo è dura constatare che nel tempo siamo diventati uno dei paese peggiori al mondo.
    Attenzione, non parlo solamente degli animali – perdonatemi ma chi ha orecchie per intendere già ha capito – ma di tutto quello che può esistere ed a volte nemmeno esiste.

    Gli animali in questo paese possono sperare solo nel buon cuore di tantissime persone che in un modo o nell’altro sentono dentro di doverli e volerli aiutare in ogni modo, come è vero che chi assume un atteggiamento simile con i nostri “fratelli” più piccoli, si comporta altresì anche nei confronti dei propri simili, sensibilizzando il più possibile la facoltà dell’equilibrio e dell’etica anche nel prossimo vicino.

    In italia (minuscola voluta) condanno tutti, giudici e magistrature che prendono fior di quattrini per eseguire ordini da chi li corrompe (oltre che dai cittadini), condanno le istituzioni e le autorità, partiti politici, delegazioni, lobby, polizie varie, tutti i colpevoli senza appello li condanno e senza pietà come non ne hanno avuto loro quando dovevano intervenire e fare il proprio dovere in maniera seria, onesta e con buonsenso.
    Siete corrotti dentro di voi, vivete nel marcio, dorme la vostra ragione o semplicemente non esiste e siete un cancro inguaribile per la società.
    State uccidendo ed umiliando tutto e tutti, animali, persone, ambiente, dignità, vita.

    Siete più colpevoli degli esecutori materiali di questi abominii e crimini poichè vi girate dall’altra parte o fate come al solito spallucce, dalla cosa più piccola fino a quella più grande, o peggio ancora prendete soldi, o ricevete favori e vi fate ricattare affinchè si compia tutto l’orrore immaginabile ed anche di più.
    Siete una disgrazia per i vostri colleghi onesti che devono subire l’onta della vergogna e del disonore a causa della vostra avidità e manifesta incapacità di vivere con dignità ed onestà, siete degli assassini, voi uccidete ciò che di buono c’è e non è giusto.

    Il mio augurio è: che possano essere questi individui pervasi dalla coscienza e dalla volontà di fare del bene, e ripaghino per il torto e il dolore che hanno causato, altrimenti che vengano spazzati via e dimenticati come se non fossero mai esistiti, non prima di aver pagato un conto, qualunque esso sia (mi appello al Karma anche se credo, onestamente, che non esista..).

    Grazie ancora e scusatemi per il ritardo e per lo sfogo, volevo leggere con calma il bilancio di un anno e poi mi sono fatto trasportare.

    P.S.: Il Kurdistan è il paese che mi ha colpito di più in assoluto tra questi.
    Spero si possa volgere sempre verso il meglio per tutti, animali, persone, ambiente, è banale, ma non per questo non importante.

  4. aggiungo che Tosi invece di buttarsi nel lago per l’ultimo dell’anno avrebbe fatto bene a buttarsi in mare con un sasso attaccato, dopo la sua richiesta di abbattimento dei lupi…

  5. mi associo con i commenti presenti……

  6. grazie a te marilena, ci fa piacere che tu abbia apprezzato 🙂

  7. Grazie anche da parte mia per la lista delle vittorie e per il filmato delle nostre care creature che ci hanno lasciato. Il mio pensiero affettuoso anche per quelli che non sono citati e un grazie a Voi per quello che fate.

  8. grazie a te elisabetta! buon anno!

  9. Me ne rendo conto anche se considero lavoro ogni vostro articolo, ogni vostra ricerca, ogni immagine, ogni rettifica. Siete persone eccezionali. Grazie di esserci.

  10. Mariuccia Magri

    dico solo che gli uomini non pretendano che le cose vadano meglio fin quando dovremo divulgare queste nefandezze gratuite e fin quando non saremo capaci di sceglierci i ns.rappresentanti che si oppongano con vere leggi adeguate a tutto ciò

  11. grazie a te elisabetta per averlo apprezzato 🙂 come puoi immaginare quest’uscita è la più impegnativa dell’anno: video + resoconto occupano un paio di giorni di lavoro.

  12. Speriamo anche nel 2015 di fare dei passi avanti e soprattutto di sensibilizzare le istituzioni e le persone tutte

  13. Grazie per questo bilancio, amici cari, elaborato con maestria e grande sensibilità!
    A Rosy: lascia perdere le stron…, ché tanto vai a sbattere contro muri di gomma, ci rimetti e basta 😉 Un bacione.

  14. Interessante, davvero interessante questo “riassunto” Alcune vittorie, alcune sconfitte, rimbocchiamoci le maniche e andiamo avanti tutti insieme per i nostri amici!!!!!!
    (Ho appena finito di litigare su F.B. con una str,,,za per via delle sue foto con pelliccia e colli di pelo vario, alé!)

I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo. Più info | Ok, Accetto!
Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com
error: A causa di comportamenti scorretti e illegali di alcuni siti, siamo stati costretti a disabilitare la possibilità di copiare i contenuti del blog. Ci scusiamo con i lettori per il disagio.