Home / Cronaca / I Paesi Bassi dicono basta al circo con animali. LAV: “Italia fanalino di coda”

I Paesi Bassi dicono basta al circo con animali. LAV: “Italia fanalino di coda”

“I Paesi Bassi si aggiungono alla lunga lista di Stati Europei e altri Paesi che hanno già introdotto delle proibizioni all’anacronistico uso di animali nei circhi:  dal 15 settembre 2015, infatti, il Governo ha deciso che non sarà più possibile utilizzare animali esotici e una  lunga serie di selvatici nei circhi.

Nell’Unione Europea Malta e Grecia hanno già vietato tutti i tipi di spettacoli  con utilizzo di qualunque animale, seguiti da Austria, Belgio,  Croazia, Danimarca, Svezia, Repubblica Ceca, Danimarca,  Finlandia e Portogallo che hanno proibito l’utilizzo di animali esotici nei circhi, mentre Ungheria,  Slovacchia,  Polonia, Estonia hanno  introdotto delle restrizioni che riguardano l’utilizzo di animali protetti dalla  Convenzione internazionale CITES o provenienti da catture in natura.

“Stiamo assistendo, in  Europa e nel mondo, al progressivo smantellamento del consenso verso i circhi con animali, forti di motivazioni etiche e scientifiche che evidenziano l’incompatibilità dei bisogni etologici primari di questi animali con la prigionia imposta dai circhi, la vita itinerante, e l’addestramento a fini ludici”.

Il Governo e il Parlamento italiano invece di prendere atto dell’accresciuta sensibilità collettiva che disdegna l’utilizzo di animali come marionette, continuano a mantenere una legge antiquata del 1968 che, di  fatto, permette lo sfruttamento di animali a fini di spettacolo.  A questo si aggiunge il finanziamento  pubblico del Ministero dei Beni Culturali di circa 3  milioni di euro all’anno ai circhi  con animali: denaro pubblico, cioè di tutti i cittadini, impiegato a favore di spettacoli che sottopongono gli animali a patimenti (prigionia, addestramento, lunghi viaggi, clima non sempre congeniale, rumori, ecc.).

Chiediamo che venga data immediata esecuzione ai dettami del Parlamento che, già nel  2013, richiedeva la revoca del finanziamenti pubblico  ai circhi con animali (a partire dal 2018) a favore del circo Contemporaneo senza animali; l’Associazione animalista inoltre sollecita l’apertura della  discussione in Parlamento delle proposte  legislative, già  pendenti da più di un decennio, sulla indispensabile riconversione dei circhi in spettacoli rigorosamente senza animali.”

Comunicato stampa pubblicato da LAV sul proprio sito web, a questo link, dove è possibile leggere ulteriori approfondimenti.

Foto: archivio.

© All4Animals - tutti i diritti riservati - la riproduzione di questi contenuti è soggetta all'autorizzazione dell'autore degli stessi.

2 Commenti

  1. Elisabetta, hai perfettamente ragione, tra l’altro è di qualche giorno fa la notizia del sequestro di due cani Chow Chow truccati da Panda in un circo italiano, tra le varie imputazioni di reato c’è anche la truffa ai danni dei “consumatori”, pensa che quei geni volevano far credere anche alla Forestale che questi animali fossero un’incrocio tra panda e cane….fortunatamente le autorità hanno vietato qualsiasi altra esibizione e denunciato i responsabili…

    Che vergogna di paese.

  2. L’italia (con la “i), è oramai alla berlina di fronte al mondo. Ci deridono e ci appioppano maccaroni e mafia. Come dar loro torto? L’italia è un Paese incivile… sempre di più.

I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo. Più info | Ok, Accetto!
Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com
error: A causa di comportamenti scorretti e illegali di alcuni siti, siamo stati costretti a disabilitare la possibilità di copiare i contenuti del blog. Ci scusiamo con i lettori per il disagio.