Home / Cronaca / Bolzano: volpe sfreccia in galleria, caos e incidenti tra le auto

Bolzano: volpe sfreccia in galleria, caos e incidenti tra le auto

Una volpe certamente terrorizzata e disorientata si è ritrovata a vagare in una galleria nei pressi di Campodazzo, poco distante da Bolzano. Inevitabilmente, la presenza dell’animale che sfrecciava tra le auto nel probabile tentativo di trovare una rapida via di fuga ha causato caos tra gli automobilisti, provocando inoltre un tamponamento a catena tra quattro vetture.

Fortunatamente c’è stato solamente un lieve ferito. Altrettanto fortunatamente, anche la volpe è riuscita a uscire dalla galleria e a dileguarsi.

La causa di quanto accaduto è da attribuirsi all’annoso problema italiano dell’assenza di corridoi biologici che agevolino, senza rischi per nessuno, lo spostamento degli animali selvatici, i cui habitat sono ormai stati forzatamente antropizzati e distrutti dalla nostra capillare presenza.

Foto: archivio.

© All4Animals - tutti i diritti riservati - la riproduzione di questi contenuti è soggetta all'autorizzazione dell'autore degli stessi.

2 Commenti

  1. Massimo, purtroppo viviamo nel degrado più assoluto…

  2. Purtroppo confermo proprio stamattina sulla statale a scorrimento veloce di collegamento fra Avellino e paesi limitrofi c’era una povera volpe investita e ormai maciullata come spesso accade per qualche sfortunato gatto o riccio qua non le vengono nemmeno a levare.Una strada ormai oblosoleta costruita negli anni 60 e ora piena di traffico si dovrebbe quantomeno allargare o pensare ad alternative ma forse non ci stanno i soldi per le tangenti…

I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo. Più info | Ok, Accetto!
Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com
error: A causa di comportamenti scorretti e illegali di alcuni siti, siamo stati costretti a disabilitare la possibilità di copiare i contenuti del blog. Ci scusiamo con i lettori per il disagio.