Home / Addii / Bologna: l’allevamento degli orrori scoperto da Striscia la Notizia, tra Tanax e cocaina

Bologna: l’allevamento degli orrori scoperto da Striscia la Notizia, tra Tanax e cocaina

Il proprietario dell’allevamento di cani di razza di Vergato, in provincia di Bologna, accusato di aver fatto uccidere senza pietà i gli esemplari “imperfetti”, è stato iscritto nel registro degli indagati dalla Procura di Bologna. Quest’ultima ha lanciato un’inchiesta a seguito della documentazione video fornita dal celebre programma televisivo Striscia la Notizia, in cui veniva mostrato un cane corso ucciso con una dose di Tanax senza alcuna ragione comprensibile.

Non solo: nel servizio condotto da Edoardo Stoppa una escavatrice riportava alla luce i resti di numerosi altri cani, sepolti nella stessa proprietà in vere e proprie fosse comuni.

La Procura, che ha denunciato anche un veterinario (forse quello che, materialmente, iniettava il Tanax ai cani), sospetta che i numerosi decessi di cui i gestori dell’allevamento si sarebbero resi responsabili riguardassero non cani sofferenti, malati di patologie incurabili e la cui agonia non poteva essere in alcun modo alleviata, ma esemplari sani o affetti da malattie perfettamente gestibili. I corpi degli animali, secondo le autorità, venivano poi “smaltiti” in vere e proprie fosse comuni.

La segnalazione alla Procura era arrivata dalla Forestale ma è stato il servizio di Striscia a sconvolgere il grande pubblico, soprattutto perché le immagini testimoniavano l’uccisione appena avvenuta di un cane corso che, solo qualche istante prima, giocava serenamente in un prato.

Il responsabile dell’allevamento si chiama Alberto Veronesi mentre il nome del veterinario è Alberto Merella di Marzabotto. Il Comune di Vergato ha immediatamente ordinato che le attività dell’allevamento venissero sospese, e sulla pagina Facebook della struttura è comparso il seguente, incredibile messaggio firmato dal Veronesi: “Sono spiacente di dover comunicare che essendo venute meno le le condizioni economiche minime che mi consentivano l’esercizio della attività e preso atto delle recenti iniziative, anche giudiziarie, che mi hanno coinvolto e che mettono in discussione l’essenza stessa della professione di allevatore, sono mio malgrado costretto a cessare tutte le attività dell’allevamento “I bolognesi ed i corsi di Vignola dei Conti”. I cani sono a disposizione per essere regalati o per essere ceduti ad altri allevamenti di comprovata affidabilità dietro compenso da pattuirsi. I primi verranno ceduti senza pedigree in quanto non adibiti alla riproduzione. Altre linee di sangue verranno ceduti dietro compenso da stabilirsi da soggetto a soggetto”.

ENPA si è già espressa sulla vicenda con un comunicato:

“A seguito del servizio di Striscia la Notizia in cui si parla di gravissimi e sconcertanti uccisioni di cani in un allevamento di Vergato (Bologna), l’Ente Nazionale Protezione Animali ha dato mandato al proprio ufficio legale di presentare un esposto alla Procura della Repubblica e di porre in essere tutte le iniziative necessarie, compreso il sequestro di tutti cani, per tutelare gli animali dell’allevamento ma anche per fare definitiva chiarezza su una vicenda che sembra lasciare pochi margini di dubbio.

«Se i fatti documentati dal servizio di Striscia la Notizia venissero confermati – dichiara la Protezione Animali – ci troveremmo in presenza di una serie di reati ignobili e ripugnanti; di crimini orribili, compiuti con il coinvolgimento di chi invece di adempiere al proprio dovere avrebbe violato regole deontologiche e penali uccidendo arbitrariamente altri esseri senzienti. L’Enpa segue da vicino lo sviluppo delle indagini con la determinazione di far valere ogni eventuale responsabilità non soltanto in sede penale e civile ma anche professionale. Per questo, la Presidente Carla Rocchi ha chiesto un immediato intervento al Presidente dell’ordine dei medici veterinari di Bologna».

Con l’occasione l’Enpa ribadisce l’invito a non acquistare animali ma ad adottarli presso canili e strutture di accoglienza.” http://www.enpa.it/it/

Anche la locale sezione di Legambiente chiede “che siano accertate tutte le responsabilità dei mandanti e degli esecutori di questa insensata e orribile strage di cani, che vengano individuati tutti gli aspetti igienico-sanitari e le implicazioni ambientali d’inquinamento del terreno di una fossa comune del genere. Accertate le responsabilità chiederemo un parere legale ai nostri avvocati, per valutare l’opportunità di costituirci parte civile”.

All’interno dell’allevamento, dopo l’intervento del Corpo Forestale dello Stato, sarebbero state trovate non solo grandi quantità di Tanax ma anche di cocaina.

Il video relativo al servizio di Striscia la Notizia può essere guardato cliccando qui.

Foto: il veterinario e Stoppa discutono a poca distanza dal cane, una femmina, appena soppresso (fonte video).

© All4Animals - tutti i diritti riservati - la riproduzione di questi contenuti è soggetta all'autorizzazione dell'autore degli stessi.

5 Commenti

  1. Questa gente di merda deve andare in galera e basta, non deve più circolare in giro libera ed impunita, basta, devono andare in gabbia!
    Tutto il resto è superfluo, devono andare in galera, in galera e basta!

    Miserabili siete lo scarto dello scarto della società!

  2. Immagino la pena che daranno a questo orrido assassino: NESSUNA. Adesso poi che vogliono depenalizzare i reati contro gli animali alè via libera o ogni sorta di nefandezza verso queste creature.

  3. Pena di morte per simili farabutti!

  4. e comunque ,complimenti a Stoppa per il controllo che è riuscito a mantenere davanti al corpo inerme della povera creatura……..non so come possa farcela….

  5. se questa volta l’elemento in questione non viene allontanato da ogni struttura abbia a che fare con animali significa che veramente il nostro paese è fallito…….non ci stupiremo veramente più di nulla

I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo. Più info | Ok, Accetto!
Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com
error: A causa di comportamenti scorretti e illegali di alcuni siti, siamo stati costretti a disabilitare la possibilità di copiare i contenuti del blog. Ci scusiamo con i lettori per il disagio.