Home / Cronaca / Vittoria! Il Messico proibisce il circo con gli animali in tutto il Paese

Vittoria! Il Messico proibisce il circo con gli animali in tutto il Paese

L’Italia, di nuovo, si fa bagnare il naso dall’ennesimo Paese che decide di mettere fine all’assurdo utilizzo di animali nei circhi. Stavolta si tratta del Messico, che ha approvato con 267 voti a favore e 66 contrari la nuova legge che, di fatto, vieta che gli animali vengano utilizzati negli spettacoli circensi su tutto il territorio nazionale.

L’obiettivo è il solito, per quanto riguarda i Paesi che prendono questa decisione: evitare maltrattamenti agli animali.

Chi violerà le nuove disposizioni sarà sanzionato con pene pecuniarie e i circhi saranno comunque tenuti a rendere noto alle autorità un dettagliato elenco degli animali in loro possesso.

Naturalmente, per queste creature il ritorno in natura è impossibile: verranno pertanto trasferiti, vita natural durante, nei giardini zoologici.

Foto: archivio.

© All4Animals - tutti i diritti riservati - la riproduzione di questi contenuti è soggetta all'autorizzazione dell'autore degli stessi.

3 Commenti

  1. Pure il Messico ci passa avanti, senza offesa per questa incredibile nazione.
    Poco alla volta spero che questo esempio diventi l’unica via percorribile, l’arte appartiene all’essere umano, gli animali sono solo una deviazione aberrante in questo processo.

  2. Leonarda Falcone

    I loro lamenti, per le torture subite, mi hanno fatto soffrire . Lo sfruttamento ed il maltrattamento degli animali è INACCETTABILE

  3. era ora! usare gli animali in questo modo crudele è stata una bellissima notizia

I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo. Più info | Ok, Accetto!
Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com
error: A causa di comportamenti scorretti e illegali di alcuni siti, siamo stati costretti a disabilitare la possibilità di copiare i contenuti del blog. Ci scusiamo con i lettori per il disagio.