Home / Addii / [VIDEO] USA: addio Frankenlouie! Morto a 15 anni il gatto a due facce

[VIDEO] USA: addio Frankenlouie! Morto a 15 anni il gatto a due facce

L’anomalia genetica con la quale era nato non avrebbe, tecnicamente, dovuto dargli alcuna speranza di vita. Invece, smentendo qualunque statistica, Frankenlouie è riuscito a sopravvivere per ben 15 anni, spegnendosi qualche giorno fa.

È morto nello Stato americano del Massachusetts il più famoso e longevo dei gatti Giano, ossia nati con due facce.

Frankenlouie era assai famoso e il fatto che sia riuscito a sopravvivere così a lungo lo rende ancora più celebre. Secondo gli esperti, Frankenlouie potrebbe essere stato “aiutato” nella sua longevità dal fatto che una delle sue due facce fosse priva di mandibola ed esofago perché, quando entrambi i volti sono in grado di nutrirti, le complicazioni sono di norma insormontabili e relative alla capacità di respirare e ingerire cibo contemporaneamente.

Frankenlouie venne adottato a un solo giorno dalla nascita da una donna impiegata come tecnica veterinaria presso una locale clinica: diversamente sarebbe stato soppresso. Il ragdoll potrebbe essere nato con due volti a causa dell’inbreeding forsennato della razza.

La causa di morte del micio è stata, tuttavia, il cancro.

Marty Stevens, la sua umana, di definisce “devastata” per la perdita di un micio che era “docle e affettuoso e conquistava la gente”.

Addio, Frankenlouie!

Nella foto: Frankenlouie, il gatto Giano (fonte Brightest Young Things).

© All4Animals - tutti i diritti riservati - la riproduzione di questi contenuti è soggetta all'autorizzazione dell'autore degli stessi.

I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo. Più info | Ok, Accetto!
Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com
error: A causa di comportamenti scorretti e illegali di alcuni siti, siamo stati costretti a disabilitare la possibilità di copiare i contenuti del blog. Ci scusiamo con i lettori per il disagio.