Home / Addii / Nepal: nonostante le proteste comincia il Festival di Gadhimai, il più grande sacrificio di animali al mondo

Nepal: nonostante le proteste comincia il Festival di Gadhimai, il più grande sacrificio di animali al mondo

Niente da fare: più o meno a nulla sono servite le proteste internazionali che per mesi hanno tenuto banco, anche sulla rete. Il massacro del Festival di Gadhimai, sacrificio animale che ogni cinque anni porta alla morte oltre 250,000 esemplari di qualunque specie, è cominciato oggi e proseguirà per i prossimi due giorni.

Secondo quanto riportato da JapanTimes, migliaia di animali sono stati già raggruppati a branchi in quell’angolo remoto del Nepal che sarà protagonista del massacro. I devoti della dea (Gadhimai, appunto) raggiungeranno il villaggio di Bariyapur proprio in queste ore, trasformandolo nel più grande mattatoio a cielo aperto al mondo. Gli attivisti per i diritti animali che hanno protestato con le autorità sono stati ignorati tanto quanto quelli che, fisicamente, si sono collocati alle frontiere per evitare l’ingresso in Nepal degli animali, nella maggior parte dei casi appositamente “importati” per il massacro.

Nel 2009, gli animali uccisi sono stati, secondo le stime, circa 300,000. La maggior parte di loro è morta per decapitazione o per la perdita massiccia di sangue causata dall’utilizzo brutale di armi da taglio, le favorite dei devoti.

L’agghiacciante spettacolo si conclude dopo due giorni di pura follia collettiva, con pozze di sangue raggrumato a terra, l’aria satura del puzzo di carne, e le autorità impegnate a gettare i resti martoriati degli animali in grandi fosse comuni scavate per l’occasione.

Il sacerdote Mangal Chaundhary, già sul luogo del massacro, commenta senza battere ciglio: “Siamo pronti per il festival, tutti siamo in vena di festeggiare”.

Tutti, tranne gli animali.

Di fatto, anche il se massacro vero e proprio prenderà il via proprio in queste ore, il festival è già cominciato con il sacrificio di una capra, di un ratto, di un pollo, di un maiale e di un colombo.

Attorno al villaggio, le autorità del Nepal hanno disposto 1200 agenti di polizia con l’incarico di evitare gli scontri tra i devoti alla dea e i manifestanti, che protestano contro la mattanza.

Nonostante la Corte Suprema dell’India (il più grosso “fornitore” di animali per il Festival) abbia, con una mossa a sorpresa e assai progressista, abbia vietato l’esportazione di animali in Nepal, le autorità del tempio spiegano che non ci sono stati problemi a reperire le vittime sacrificali.

La mattanza è cominciata.

Nella foto: bufali chiusi nei recinti aspettano di essere massacrati (fonte DailyMail) e la decapitazione di uno di loro (fonte NewsCrunch).

© All4Animals - tutti i diritti riservati - la riproduzione di questi contenuti è soggetta all'autorizzazione dell'autore degli stessi.

21 Commenti

  1. l’uomo e’ l’animale piu’ idiota del mondo credeteci !!!! piu’ pezzo di ***** non c’e’ neanche la ***** stessa!!!!

  2. Capiamo il tuo punto di vista Ines, ma mangiare carne non è necessario tanto quanto non è necessario sacrificare gli animali per un rito religioso

  3. guido sassi
    si, ma vengono macellati per essere mangiati, si, e orrore, ma ha uno scopo. E cosi in tutto il mondo da sempre, l’uomo mangia la carne. Ma questo e puro male, sacrificare 300.000 animali per una dea..e assurdo. Come le pelliccie, uguale, massacrare animali per i propri vizi.

  4. Su questo non ci sono dubbi, Guido.

  5. In Italia vengono macellati 25 milioni di bovini all’anno, 100.000 ogni giorno lavorativo… se ci mettono 3 giorni a fare la mattanza di animali…. vuol dire che ogni 5 anni fanno quello che si fa normalmente in Italia…. perchè ci scandalizziamo tanto? Nei macelli le bestie muoiono malamente, potete vedere i flmati in giro per la rete.

  6. lo leggi sopra, non è nascosto.

    C’è poco da dire se non si vuol essere accusati di razzismo; e noi opponiamo “toni moderati e civili” a queste aberranti inciviltà. Vorrei tanto che la ragazzina adottata da amici a Kathmandu per mantenerla agli studi universitari – e da noi ereditata – potesse esprimere il suo punto di vista sullo scopo – oltre che sulla efferatezza – di questo rito pro divinità locale.

  7. Neppure quello, redwings. i resti vengono seppelliti in fosse comuni.

  8. Vista dal punto di vista ecologico, sarà una festa anche per gli avvoltoi, che sono in estinzione in India e qui, tra le montagne del Nepal, potranno trovare cibo in quantità dopo il festival.

  9. Vero Carli, noi non siamo esenti e siamo fautori di grandi orrori nei confronti degli animali. In effetti, nessuno al mondo è esente da massacri di ogni tipo. Quindi sarebbe ora di smetterla di trattare esseri senzienti come oggetti a nostra disposizione. Che sia qui o in Nepal, o in qualunque altro posto.

  10. Appunto perché mi reputo una persona civile non sono in grado di concepire, ma nemmeno di tollerare questa inciviltà…..fermiamoli!!!! Ci sarà un modo….

  11. Quanti di voi “commentatori” è mai stato in Nepàl? Loro non mangiano carne (non hanno allevamenti, alimentazione forzata, etc…), non radono al suolo i campi per costruire, non rincorrono il sacro PIL, non usano prodotti chimici che danneggiano l’acqua ma per la maggiorparte usano cenere e sapone di marsiglia e usano gli escrementi come concime. Mangiano quello che la terra gli da, accolgono il monsone che gli darà il riso, le loro medicine sono le piante e la preghiera. Chi siamo noi per giudicare chi una volta l’anno compie un orrore che non è nemmeno un 1/365 di quello che noi, brave persone che gli animali non li uccidiamo ma li compriamo già morti dal macellaio, causiamo alla biosfera ogni minuto della nostra vita? Noi siamo un popolo “sviluppato” che vive in modo molto meno umano e sostenibile di loro, che uccidono “solo” 250000 bestie l’anno. Forse siamo un pò ipocriti, o almeno io mi sentirei così a pensar male di loro.

  12. e orrendo ma anche qui fanno lestesse cose nei mattatoi x darvi carne da mangiare

  13. Veramente, hans, qui ci preoccupiamo proprio di tutti. Probabilmente questo è il solo articolo che hai letto di questo blog e non ne conosci neppure l’intento. Ci auguriamo che, per coerenza, tu stia risolvendo i problemi in casa tua come noi in casa nostra. Ciao!

  14. E’ un rituale mostruoso… Non c’è nulla che si possa fare, speriamo che possa cambiare da qui ai prossimi cinque anni

  15. Nessuno però si lamenta per i milioni di bestie massacrate dal resto del pianeta costantemente e nel peggiore dei modi. Dal halal al ingrassamento forzato in batteria e altre varie pratiche, fatevi i ****! vostri che fate più bella figura. Ognuno risolva i problemi in casa sua

  16. Questi sono davvero pazzi da rinchiudere nel migliore dei casi…a cosa serve realmente una cosa del genere?
    Rituali di morte infiniti, sacrifici, nemmeno ne mangiano poi i resti.

    Questa è un’abominazione mostruosa, crudele, senza senso, ingnobile e brutale.
    Sono dei criminali.

  17. Il vostro Dio di sicuro non vuole tutto questo…

  18. Che orrore!!!!La razza umana e la peggio,ogni giorno mi convinco ancora di più!!!!!!!

  19. Non ho parole.sono allibita, schifata, inorridita, terrorizzata che a tutt oggi esistano ancora queste pratiche e che a tutt oggi quasi alla fine del 2014 non ci sia ancora stato uno stop a questo sfogo di rabbia e odio. Non può essere religione la mattanza di centinaia di migliaia di animali in modi oltretutto osceni. Questo è un tacito assenso da parte delle istituzioni ad uno sfogo massivo di frustrazione e rabbia repressa che cova nell arco degli anni per poi sfociare in questo scempio o tragedia. La brutalità di questa mattanza è qualcosa di aberrante e fuori da ogni logica. Possibile che veramente non si possa fermare questa oscenità una volta per tutte? Possibile che al mondo vada bene tutto questo? Io NON HO PAROLE. QUESTA NON È RELIGIONE QUESTO È PURO ODIO E CRUDELTA’.

  20. la foto è aberrante……e sinceramente quando vedo immagini così spero veramente in una catastrofe o una forte epidemia che possa limitare il numero di questi(e tutti quelli come loro) pazzi sulla terra…..gente inutile,tradizioni inutili,civiltà che non hanno niente da tramandare alle generazioni future,violenza assoluta e menti vuote del più assoluto niente…..schifo e basta…….

  21. Quale orrore! Spero che la dea Gadhimai, ammesso che esista, incenerisca questi orchi umani!

I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo. Più info | Ok, Accetto!
Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com
error: A causa di comportamenti scorretti e illegali di alcuni siti, siamo stati costretti a disabilitare la possibilità di copiare i contenuti del blog. Ci scusiamo con i lettori per il disagio.