Home / Addii / Monza: trovato scatolone pieno di teste mozzate di galline. ENPA: “Squallore”

Monza: trovato scatolone pieno di teste mozzate di galline. ENPA: “Squallore”

ENPA Monza denuncia il ritrovamento, in via Buonarroti, di uno scatolone contenente le teste mozzate di diverse galline.

Secondo quanto diffuso dalla Protezione Animali, il massacro potrebbe essere ricondotto ad episodi di presunto maltrattamento di animali negli spazi dell’ex macello cittadino, nel quale si tiene ancora un piccolo mercato.

ENPA commenta: “Dieci teste di galline mozzate all’interno di scatoloni sporchi di piume e di sangue ancora fresco. Questo è il macabro spettacolo che si mostrava agli occhi dei numerosi passanti lungo la pista ciclabile che costeggia il canale Villoresi sull’angolo con via Buonarroti. È fin troppo facile ipotizzare quanto sia successo nella tarda mattinata di giovedì 20 novembre. A poche decine di metri dal luogo del ritrovamento, ogni giovedì mattina, si svolge ancora uno squallidissimo mercato di animali da cortile quali, appunto, galline, papere, oche e piccioni. Regolarmente autorizzato dal Comune di Monza, è l’ultimo residuo del mercato del bestiame settimanale definitivamente chiuso nel 2003 con una provvidenziale decisione della Giunta”.

ENPA spiega che, solitamente, gli acquirenti di questo genere di “merce” (tali, infatti, sono considerate creature vive e senzienti) si allontanata dal mercatino chiudendo gli animali negli scatoloni.

Continua la Protezione Animali: “I commercianti, pur saltuariamente controllati da Vigili e ASL, dimostrano platealmente di non tenere in nessuna considerazione le prescrizioni vigenti in tema di tutela dettate dal Regolamento Comunale per il benessere degli animali di Monza. Le galline, infatti, vengono sollevate da qualunque parte del corpo – ali, zampe, testa – e scaraventate negli scatoloni come se fossero cose inanimate”.

Il ritrovamento è avvenuto, “per colmo dell’ironia, a due passi dalla sede dell’Ufficio Diritti Animali del Comune di Monza e dal canile gestito da ENPA, dove vengono ricoverati anche numerosi animali da cortile vittima di maltrattamenti. Chiediamo al sindaco e a tutta l’amministrazione comunale di valutare con attenzione se valga ancora la pena conferire licenza di vendita a una attività di questo genere, che inevitabilmente porta a queste conseguenze”.

Foto: una guardia zoofila osserva i resti degli animali uccisi (fonte Il Cittadino di Monza e Brianza).

© All4Animals - tutti i diritti riservati - la riproduzione di questi contenuti è soggetta all'autorizzazione dell'autore degli stessi.

I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo. Più info | Ok, Accetto!
Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com
error: A causa di comportamenti scorretti e illegali di alcuni siti, siamo stati costretti a disabilitare la possibilità di copiare i contenuti del blog. Ci scusiamo con i lettori per il disagio.