Home / Addii / Africa: le proboscidi mozzate degli elefanti. Erano entrati in una piantagione

Africa: le proboscidi mozzate degli elefanti. Erano entrati in una piantagione

International Animal Rescue Foundation World Action South Africa spera di fornire informazioni dettagliate nell’arco di qualche giorno, in merito alla raccapricciante fotografia che ritrae le proboscidi mozzate di sei elefanti, due dei quali cuccioli, pubblicata sulla sua pagina Facebook.

Secondo quanto riportato dalla fondazione, che lavora per la salvaguardia degli animali selvatici in Sud Africa, ciò che finora sembra evidente è che le proboscidi non appartengano ad elefanti asiatici ma africani.

Le notizie trapelate finora vorrebbero gli animali uccisi perché colpevoli di avere curiosato innocentemente all’interno di una piantagione di canna da zucchero. Tuttavia, International Animal Rescue Foundation ritiene che la versione sia quantomeno fumosa e che sia più probabile che i pachidermi siano stati uccisi nell’ambito del traffico internazionale di carne di animali selvatici.

Si attendono aggiornamenti sulla vicenda.

Nella foto: le proboscidi mozzate (fonte International Animal Rescue Foundation su Facebook).

© All4Animals - tutti i diritti riservati - la riproduzione di questi contenuti è soggetta all'autorizzazione dell'autore degli stessi.

3 Commenti

  1. Schifata è dire poco. Questi sono matti! Dovrebbero fare qualcosa per questi poveri animali! Ci manca anche questo, dopo il bracconaggio che già ha decimato la popolazione di elefanti almeno in Africa. Leggevo sul Focus di questo mese che il mercato dell’avorio è il quarto business criminale al mondo.

  2. Agghiacciante.

  3. Non mi meraviglio che dietro ci stia la Cina.

I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo. Più info | Ok, Accetto!
Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com
error: A causa di comportamenti scorretti e illegali di alcuni siti, siamo stati costretti a disabilitare la possibilità di copiare i contenuti del blog. Ci scusiamo con i lettori per il disagio.