Home / Cronaca / Bergamo: nel Comune di Arzago l’OK per un nuovo allevamento di visoni

Bergamo: nel Comune di Arzago l’OK per un nuovo allevamento di visoni

Il TAR ha ufficialmente sospeso il diniego del Comune di Arzago, in provincia di Bergamo, a concedere i permessi per costruire un nuovo allevamento di visoni.

Il sindaco della cittadina bergamasca, Gabriele Riva, ha dovuto quindi dichiarare che “qualora Santinelli (l’imprenditore che aveva presentato domanda, NdR) voglia iniziare l’attività di allevatore di animali da pelliccia lo può fare”.

“Sostanzialmente il TAR dice che, in mancanza di una legge nazionale, un Comune non può impedire l’avvio di una attività come questa. Noi, nel nostro PGT, abbiamo inserito invece la norma in base alla quale sono permessi sul territorio comunale solo gli allevamenti per animali a scopo alimentare o di compagnia”, continua il primo cittadino. “Sapevamo che il diniego alla richiesta di Santinelli avrebbe trovato difficoltà in sede legale. Volevamo però dare un segnale, tenendo la barra dritta rispetto al nostro strumento urbanistico ad essere più vincolanti della legge nazionale”.

Il signor Santinelli sarebbe intenzionato ad avviare l’allevamento con 2500 animali che finiranno scuoiati. Non solo. Ritiene anche di essere stato danneggiato dal Comune: “Presumo di poter cominciare ma comunque, in questa vicenda, il Comune mi ha fatto perdere un anno e mezzo. Ho perso dei soldi. Chi mi paga questi danni? Li sto quantificando, poi vedrò se fare o meno causa al Comune”.

Foto: archivio.

© All4Animals - tutti i diritti riservati - la riproduzione di questi contenuti è soggetta all'autorizzazione dell'autore degli stessi.

12 Commenti

  1. L’ALLEVAMENTO DI ANIMALI DA PELLICCIA E’ UN’EMERITA PORCATA

  2. Ciao Roberto Serafin.ci sarò Mi raccomando,invece di fare tanti discorsi AGITE!!!!!partecipate numerosi

  3. Il massacratore continuerà l’attività fino a quando la gente ignorante continuerà a comprare pellicce

  4. Io qualche anno fà vidi una trasmissione dove in Germania purtroppo si vendono bene queste pellicce e il proprietario si era comprato una rolls royce.E’ questo che dobbiamo combattere,non servono le parolacce,chi pensa che con le parolacce ha risolto la questione non ha capito niente è solo un povero illuso,gli animali continueranno ad essere trucidati nel chiasso delle parolacce.

  5. mentre in brasile vietano gli allevamenti di animali da pelliccia qui in italia si costruiscono nuovi campi di sterminio per animali innocenti….. il terzo mondo siamo noi…..
    Complimenti Santinelli…. un auguri sincero tu possa fallire quantoprima…

  6. Alessia, se tu fossi al nostro posto e dunque fossi tu ad essere legalmente responsabile per le cose che scrivono i commentatori ti garantiamo che chiederesti altrettanta moderazione e civiltà nei commenti. quale che sia la propria opinione la si può esprimere anche con educazione e intelligenza, non cambia niente. qui non è facebook dove tutti danno aria alla bocca come più gli piace, insultano a destra e a manca superando ogni limite. grazie.

  7. Ma come si fa a chiedere un parere moderato e civile ?vi sembra moderato e civile santinellicreepera’all inferno ..altro che moderatobr civile.e’una merdaccia.punto.cerchiamo mi raccomando di fargli falkure tutto,quezsto dobbiamo fare.e ‘cosi potente questa ****?

  8. Sentiamo il comune e se è possibile raccoggliamo firme x impedire questo massacro !! Questi schifosi assassini

  9. La domanda è:
    Ma chi è che ancora compra le pellicce e cose del genere?
    Se hanno dato l’ok all’apertura di un allevamento exnovo (purtroppo..) vuol dire che c’è domanda e se c’è domanda ecco che abbiamo l’offerta.

    Una cosa orrenda e veramente tristissima.

  10. Facciamo in modo che Santinelli non riesca ad aprire il suo campo di tortura e sterminio.Compatti con manifestazioni blocchi stradali e irruzioni nel campo di concentramento dove migliaia di esseri vengono massacrati per fare arricchire il malvagio Santinelli e soddisfare la voglia di molti rifiuti umani che usano un cappotto fatto di sangue sofferenza e morte.Io ci sarò,costi quel che costi perché in questo caso il fine giustifica qualsiasi mezzo

  11. Nel 2014 dobbiamo ancora vedere queste cose,ma che paese siamo?

I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo. Più info | Ok, Accetto!
Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com
error: A causa di comportamenti scorretti e illegali di alcuni siti, siamo stati costretti a disabilitare la possibilità di copiare i contenuti del blog. Ci scusiamo con i lettori per il disagio.