Home / Cronaca / Vittoria in Brasile: lo Stato di San Paolo vieta l’allevamento di animali da pelliccia

Vittoria in Brasile: lo Stato di San Paolo vieta l’allevamento di animali da pelliccia

Una bella, recente vittoria arriva dallo Stato americano di San Paolo, che ha ufficialmente vietato l’allevamento di animali da pelliccia su tutto il territorio nazionale.

A diffondere la notizia in Italia è stata l’associazione Animal Amnesty, che ha sottolineato come la decisione sia di particolare importanza perché il Brasile non è soltanto un importante produttore di pellicce ma anche il secondo esportatore di pelliccia di cincillà al mondo dopo l’Argentina.

Secondo quanto diffuso da Animal Amnesty, la spinta decisiva verso il veto sarebbe stata data dalla imponente pressione dell’opinione pubblica, sempre più contraria a questo genere di allevamenti, ma anche alla recente liberazione di un centinaio di cincillà da un allevamento da parte di alcuni attivisti.

I circa seicento allevatori presenti nello Stato di San Paolo, nel timore che la legge venisse approvata (come poi effettivamente è accaduto), avevano peraltro già cominciato a uccidere gli animali prima ancora di ricevere notifica del divieto. In particolare, un allevatore di Soracaba ha affermato di aver ucciso, in un solo giorno, circa 1500 femmine di cincillà. Il dettaglio che rende l’intero processo ancora più rivoltante di quanto non sia risiede nel fatto che gli animali si erano accoppiati lo scorso settembre, e dunque la maggior parte delle femmine uccise era probabilmente gravida.

Foto: archivio.

© All4Animals - tutti i diritti riservati - la riproduzione di questi contenuti è soggetta all'autorizzazione dell'autore degli stessi.

3 Commenti

  1. Giovanna Marchesi

    Sono felice per la vittoria ottenuta, EVVIVA!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

  2. Se è vero è stupendo!

  3. wow….finalmente…..speriamo che non sia una farsa…..

I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo. Più info | Ok, Accetto!
Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com
error: A causa di comportamenti scorretti e illegali di alcuni siti, siamo stati costretti a disabilitare la possibilità di copiare i contenuti del blog. Ci scusiamo con i lettori per il disagio.