Home / Cronaca / Israele: bando nazionale alle carrozze trainate da cavalli e asini, ma non per il turismo

Israele: bando nazionale alle carrozze trainate da cavalli e asini, ma non per il turismo

Grazie agli sforzi dell’associazione antispecista Hakol Chai (“Tutto vive”), Israele è il primo Paese a bandire, su tutto il territorio nazionale, le carrozze trainate da cavalli e asini.

Nella pratica, questo significa che i veicoli trainati dagli animali saranno proibiti su tutte le strane, a meno che non siano utilizzati per fini turistici.

Non è una vittoria su tutta la linea ma si tratta certamente di un importante traguardo che potrebbe aprire a ulteriori risultati: il bando, comunque, arriva dopo un intero decennio di campagne portate avanti dall’associazione Hakol Chai.

I cavalli e gli asini utilizzati in questo genere di pratiche sono costretti a sopportare carichi pesantissimi, che includono anche materiali da costruzione. In Israele, questi animali sono spesso soggetti anche a maltrattamento e incuria, privi di supporto veterinario e destinati a una vita di sfruttamento e, talvolta, a una morte per fame o per sete.

Per ottenere il bando su tutto il territorio nazionale, Hakol Chai ha lavorato gomito a gomito con alcuni rappresentanti del Ministero dei Trasporti e della Polizia di Stato. Le discussioni governative sul tema si sono protratte per diversi mesi fino ad approdare finalmente, negli scorsi giorni, a una risoluzione.

Il Ministero dei Trasporti ha sottolineato che i carri trainati dagli animali sono causa non soltanto di sofferenza per gli asini e i cavalli, ma anche di traffico stradale e incidenti, soprattutto nelle città di Tel Aviv, Jaffa, Ramat Gan, Givatayim, Kfar Saba, Netanya e Nahariya.

L’utilizzo dei carri sarà ancora autorizzato per motivi turistici, ma previa consultazione con le autorità locali e con la polizia. Questo gap legislativo, però, preoccupa l’associazione animalista Let Animals Live, che teme il proliferare di attività illegali pronte a continuare con l’attività. Per questo il prossimo obiettivo sarà quello di sostituire le carrozze con risciò o veicoli aperti.

Intanto, a Roma, l’amministrazione comunale continua a mostrarsi sorda alle pressanti richieste di mettere fine alle famigerate botticelle.

Foto: la condizione di un cavallo da traino in Israele (fonte GlobalAnimal).

© All4Animals - tutti i diritti riservati - la riproduzione di questi contenuti è soggetta all'autorizzazione dell'autore degli stessi.

Un commento

  1. Povero cavallo costretto a tirare un carico a quanto pare molto pesante e in che condizioni precarie di salute

I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo. Più info | Ok, Accetto!
Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com
error: A causa di comportamenti scorretti e illegali di alcuni siti, siamo stati costretti a disabilitare la possibilità di copiare i contenuti del blog. Ci scusiamo con i lettori per il disagio.