Home / Cronaca / Ebola: sta meglio l’infermiera spagnola. Il marito: “Sarà giustizia per Excalibur”

Ebola: sta meglio l’infermiera spagnola. Il marito: “Sarà giustizia per Excalibur”

È notizia delle ultime ore che Teresa Romero, l’infermiera spagnola contagiata da Ebola qualche tempo fa, sarebbe guarita. Certamente non è in forma, ma le ultime analisi mostrerebbero che il suo organismo si sarebbe finalmente sbarazzato del micidiale virus.

Teresa era la proprietaria di Excalibur, il meticcio di 12 anni letteralmente fatto fuori dalle istituzioni madrilene in un bislacco e frettoloso tentativo di “contenere il virus”. Il punto è, naturalmente, che Excalibur non era entrato in contatto con nessuno se non con Teresa e suo marito Javier, e soprattutto era chiuso nell’appartamento della coppia. Particolare ancora più importante, non si sa neppure se il cane fosse contagiato, visto che le autorità di Madrid non hanno mai condotto su di lui alcun esame, limitandosi ad abbatterlo per poi bruciarlo, senza particolari precauzioni batteriologiche (e disperdendone i fumi lungo una rotta aerea).

Javier Limon, marito di Teresa, qualche giorno fa aveva reso pubblica una commovente lettera dedicata proprio al suo compagno a quattro zampe: “Excalibur, ovunque tu sia voglio che tu sappia che sarai per sempre nel nostro cuore. Ti hanno finito, gente cattiva e senza sentimento. Abbiamo fatto il possibile e ancora di più per salvarti, ma non è stato possibile”.

“Mentre ti scrivo questa lettera non riesco a smettere di piangere, ma sono molto orgoglioso di te perché sei stato un esempio per tutto il mondo e non sarai dimenticato tanto facilmente. Ora, ovunque tu sia, devi dare la forza a Teresa perché riesca a stare meglio, così come hai aiutato me a non crollare e a continuare a combattere. Anche se non sei più con noi, ti prometto che giustizia sarà fatta”.

E forse Excalibur, se è da qualche pare, le parole di Javier le ha ascoltate e davvero è riuscito a dare a Teresa la forza di guarire.

Bisognerà ora riferirle che il suo cane non sarà a casa ad aspettarla.

Nella foto: Excalibur (fonte LaZampa).

© All4Animals - tutti i diritti riservati - la riproduzione di questi contenuti è soggetta all'autorizzazione dell'autore degli stessi.

5 Commenti

  1. Gente cattiva, ignorante e per questo pericolosa. Meritano un severa punizione.

  2. Si in effetti mi ricorda la canzone di Guccini:Il bambino nel vento che vi propongo.Nella canzone si pronunciano parole davvero come pietre.Io mi domando allora perchè non bruciano pure le persone come si faceva con la peste in Europa oppure perchè non hanno bruciato pure la casa oltre che il cane?

  3. Caro Massimo, in effetti quello che abbiamo scritto è ambiguo: intendevamo che le ceneri del povero Excalibur sono “uscite in fumo” dall’inceneritore, senza alcuna contenzione biologica, sfumando lungo le rotte degli aerei di linea.

  4. E’ una storia assurda,addirittura le ceneri dall’aereo,mi sembra un film di fantascenza.

  5. L’ignoranza uccide.
    E questi sono quelli che dovrebbero proteggere e aiutare?
    E non sanno niente, ignoranti fino all’anima che non hanno.

    I soliti incapaci.

    Spero che la paghino.

I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo. Più info | Ok, Accetto!
Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com
error: A causa di comportamenti scorretti e illegali di alcuni siti, siamo stati costretti a disabilitare la possibilità di copiare i contenuti del blog. Ci scusiamo con i lettori per il disagio.