Home / Cronaca / [VIDEO] “Sorrido ancora”: storia di Timber, pitbull quasi ucciso dall’ignoranza

[VIDEO] “Sorrido ancora”: storia di Timber, pitbull quasi ucciso dall’ignoranza

La storia di Timber è tutta riassunta nel breve e bellissimo cortometraggio che abbiamo il piacere di proporvi in chiusura di articolo.

Timber è un meticcio di pitbull e, come tale, soggetto purtroppo a una discriminazione senza fine. Probabilmente abbandonato dai suoi proprietari, questo giovanissimo esemplare si è trovato a vagare per strada alla ricerca di un pasto e di un angolo per dormire quando è stato notato dal suo aguzzino, le cui generalità non sono mai state accertate. Quello che è certo è che chiunque abbia quasi ucciso Timber gli si è avvicinato, ha constatato che il cane era docile e pacifico, lo ha legato ad una recinzione, gli ha puntato una pistola di piccolo calibro alla testa e ha sparato.

Come Timber sia riuscito a sopravvivere nessuno riesce a spiegarselo. Quando i volontari lo hanno trovato, aveva un buco in testa, uno nel collo, uno in una zampa e aveva perso molto sangue. Le sue chance di ripresa erano molto scarse.

Incredibilmente, il cane è riuscito a reagire e, con una pazienza infinita, ha sopportato tutte le terapie senza mai rivoltarsi, permettendo a chiunque di toccarlo ed esaminarlo, riservando a ciascuno una scodinzolata o un bacio.

Timber è il cane che sorride nonostante tutto e, per i volontari che ora gli stanno cercando una nuova casa, il simbolo dello spirito con cui si dovrebbero affrontare tutte le avversità della vita.

Per questo, il suo cortometraggio è intitolato “Still smiling”. E, ve lo garantiamo, vale davvero la pena vederlo.

Nella foto: Timber (fonte video).

© All4Animals - tutti i diritti riservati - la riproduzione di questi contenuti è soggetta all'autorizzazione dell'autore degli stessi.

5 Commenti

  1. Bellissime parole Elisabetta, bellissimo questo cagnolino che si è ripreso bene.
    E fa anche la Pet Therapy a quanto mi è sembrato.

  2. Già, Rosy… Oggi poi è uno di quei giorni in cui salverei anche le pulci…

  3. non capirò mai come si possa far loro del male……

  4. Ommammamia ragazzi, che video meraviglioso!!!!!! Ciao bellissimo Timber dagli occhi magici!!!!! Già, Elisabetta, potessimo salvarli tutti quanti………

  5. Questo video parla da sé e mi pare strano dover aggiungere delle parole. ma sto piangendo
    Ero soltanto una bambina quando scrissi “potessi salvarvi tutti quanti!”, riferendomi agli animali maltrattati, ingiuriati, ammazzati, abbandonati… Ero solo una bambina, quando vidi sgozzare un coniglietto bianco. Ero solo una bambina, quando il mio primo cane morì travolto da un’auto in corsa davanti ai miei occhi attoniti. Ero soltanto una bambina, quando avvertii per la prima volta il fuoco del il primo vero dolore.
    Agli animali devo tutto, li ringrazio perfino per avermi fatto essere sola, a volte, quando le amiche mi deridevano, perché salvavo le formiche. A loro devo tutto, come bambina che è diventata donna e che ha conservato quella meraviglia e insieme quel dolore di fuoco invisibile, marchiato nel profondo.
    A Timber e a tutti gli altri suoi fratelli animali, ingiuriati dall’essere più abietto, dico ancora “potessi salvarvi tutti quanti!”.

I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo. Più info | Ok, Accetto!
Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com
error: A causa di comportamenti scorretti e illegali di alcuni siti, siamo stati costretti a disabilitare la possibilità di copiare i contenuti del blog. Ci scusiamo con i lettori per il disagio.