Home / Cronaca / La Danimarca cerca di bandire la zooerastia con l’aiuto di una legge specifica

La Danimarca cerca di bandire la zooerastia con l’aiuto di una legge specifica

La Danimarca sta cercando di legiferare per mettere fine alla zooerastia, ossia la pratica del sesso con gli animali, anche a seguito dell’annosa pressione delle associazioni animaliste internazionali.

Per fare questo c’è bisogno di colmare il gap istituzionale che, di fatto, non vieta esplicitamente questo genere di perversione: un problema, questo, che ha già toccato da vicino Paesi come la Norvegia, la Svezia e la Germania (di questo particolare caso avevamo parlato esaustivamente, qui).

Secondo quanto pubblicato dal quotidiano inglese Independent, il Ministro dell’Agricoltura Dan Jorgensen starebbe pianificando un emendamento per il prossimo anno, e avrebbe dichiarato: “Ho deciso che dovremmo bandire il sesso con animali”. Non solo: il ministro avrebbe indicato, come fattore fondamentale per questa decisione, la pessima reputazione della Danimarca – ma ha anche aggiunto: “Quello più importante è che, nella maggior parte dei casi, azioni come queste sono attacchi contro gli animali. E a prescindere dalle circostanze, si dovrebbe pensare al benessere degli animali che non possono, ovviamente, dire no”.

Un recente sondaggio emesso dalla Gallup ha rivelato che il 76% dei danesi è contrario alla zooerastia e della questione si è parlato anche sul quotidiano danese NBA, a questo link.

Sebbene un emendamento che la bandisce fosse già nella lista dei “to do” del governo danese, il Ministro Jorgensen ha lasciato intendere che la legge dovrà includere un bando esplicito al sesso con animali. Storce il naso, incredibilmente, il presidente del Comitato di Etica Animale, Bengt Holst, secondo il quale la legge danese protegge già gli animali dal dolore, dalla sofferenza e dallo stress. Il problema, naturalmente, è che molto zooerasti sostengono che l’animale, durante le loro pratiche sessuali, non provi dolore – e qui sta il nocciolo della questione.

Vale la pena sottolineare che di recente ENPA aveva dichiarato, comunque, come la questione dei bordelli animali in Danimarca fosse sostanzialmente infondata: ne avevamo parlato qui.

Si attendono sviluppi sulla vicenda.

Ulteriori contenuti di interesse sul tema:

> L’articolo di Care2, la più grande community internazionale sull’healthy living e proprietaria del famoso sito PetitionSite

> Il dossier sulla questione del magazine VICE

> L’articolo del DailyMail

> La petizione lanciata nel 2012 dall’associazione animalista internazionale Occupy for Animals e destinata al Parlamento Europeo

> L’articolo sul tema di ScienceNordic

>  L’associazione internazionale per i diritti animali mostra le immagini di una manifestazione tenutasi in Danimarca contro la zooerastia, nel 2012

> L’articolo di Examiner sulla questione

> L’articolo di Huffington Post sul tema

> La petizione promossa dall’italiana FederFIDA

> Il tema affrontato su L’Urlo Animale

> La raccolta firme tenuta tempo fa dall’associazione italiana LEAL

> La notizia sul sito di OIPA

Foto: archivio.

© All4Animals - tutti i diritti riservati - la riproduzione di questi contenuti è soggetta all'autorizzazione dell'autore degli stessi.

4 Commenti

  1. Ciao Johnny io ho mantenuto toni bassi e civili solo nel rispetto degli animali e del sito che li aiuta nel divulgare le notizie ma credimi sono non solo d ‘accordo con te ma molto di piu’. Se mi venisse fatta la grazia di avere per le mani uno di questi individui schifosi gli farei passare le pene dell’ inferno garantito che poi non si avvicina piu’ nemmeno a un topo. Schifosi e maledetti . Spero che la Danimarca metta in pratica cio’ che promette ma, ed e’ giusto che lo si sappia, anche in Italia questa pratica , considerata illegale, trova I suoi sostenitori che si riuniscono in posti isolati e sempre diversi Io sono anni che cerco la strada per stanarli e per far chiudere in tutti I paesi I ” bordello con animali ”. Chi sa qualcosa mi aiuti e mi sostenga. grazie

  2. Barbara, permettimi di dire che questi… chiamiamoli individui, non sono malati, sono solamente deviati, pervertiti, maniaci, schifosi, che traggono piacere dalla sopraffazione delle proprie vittime.
    Io credo che semplicemente crimini immondi come questo, la pedofilia, lo stupro più in generale dovrebbero essere puniti con l’ergastolo, la castrazione chirurgica, meglio sarebbe la pena di morte in determinati casi (una nutrita quantità, ma diciamo pure tutti per tagliare le spese), tanto sono individui dannosi e non servono a niente di utile in questo mondo, distruggono solamente la vita degli altri.

    Un po’ di pulizia porterebbe dei benefici.

    http://www.change.org/p/petition-to-denmark-bestiality-is-very-dangerous-to-public-health-due-to-zoonotic-diseases

    http://forcechange.com/134098/support-criminalizing-bestiality/?utm_source=ForceChange+Newsletter&utm_campaign=cbf59a0263-NL49410_15_2014&utm_medium=email&utm_term=0_600a6911b9-cbf59a0263-295820461

  3. Nel momento in cui non possono dire no è già uno sturpo, il resto è solo fuffa politica di cattivissimo gusto.

  4. Salve io ho adottato un cane uscito dai ” bordelli ” della zoorastia e chiunque sostenga che non sentono dolore e’ da chiudere in manicomio e buttare via la chiave . Ho dovuto far passare due anni prima di toccarle la coda senza contare tutti i problemi fisici e psicologici che ho affrontato . Mi interesserebbe molto capire le mogli o compagne di queste persone che per me sono malate, come si comportano ? Resta totalmente innaturale avere rapporti sessuali con animali e nessuno parla delle sevizie e delle torture che subiscono. È’ ora che la Danimarca ” civilissima …… ” dia l’esempio e non solo metta fuori legge l’ immonda pratica ma commini pene severe per chi la pratica .
    Tanto non cambierà nulla ……. Purtroppo

I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo. Più info | Ok, Accetto!
Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com
error: A causa di comportamenti scorretti e illegali di alcuni siti, siamo stati costretti a disabilitare la possibilità di copiare i contenuti del blog. Ci scusiamo con i lettori per il disagio.