Home / Cronaca / [VIDEO] Vittoria! Restituita la protezione federale ai lupi del Wyoming

[VIDEO] Vittoria! Restituita la protezione federale ai lupi del Wyoming

È stata dura, ma le associazioni animaliste hanno combattuto senza sosta e sono infine riuscite a vedere restituita la protezione federale ai lupi del Wyoming, in USA.

È quindi una vittoria per i lupi grigi dello Stato americano, finalmente tutelati (di nuovo) dall’Endangered Species Act, del quale erano stati spogliati nel 2012 venendo successivamente massacrati senza pietà.

Era dal 2003 che il Wyoming spingeva per avere completa autorità sui superpredatori, ma la sua richiesta registrava bocciatura dopo bocciatura perché falliva nel proporre una gestione efficace degli animali. Sfortunatamente, due anni fa il FWS (Fish and Wildlife Service) degli USA, non particolarmente amico degli animali, aveva determinato che il numero dei lupi fosse troppo abbondante e li aveva privati della protezione (ne avevamo parlato qui).

Non solo: i lupi erano stati dichiarati prede di caccia, e oggetto dell’attenzione di battute (comprensive di trappole) stagionali. Potevano essere uccisi a vista su oltre l’80% del territorio statale.

Dal 2012 ad oggi, sono stati 219 almeno i lupi a cadere sotto le fucilate dei cacciatori.

Fin da subito erano state numerose le associazioni animaliste che si erano opposte alla de-protezione della specie: Earthjustice, Natural Resources Defense Council, Defenders of Wildlife, Sierra Club e il Center for Biological Diversity si erano tutte recate di fronte ai giudici sostenendo che il piano di gestione dello Stato del Wyoming era sostanzialmente fallimentare.

“Qualunque Stato che attui un piano di gestione focalizzato sull’uccisione di un numero illimitato di lupi non dovrebbe essere autorizzato a gestire i lupi”, aveva dichiarato il CEO di Defenders of Wildlife, Jamie Rappaport Clark.

Infine, dopo tante pressioni, la giure Amy Berman Jackson ha deliberato che il piano di gestione era effettivamente inadeguato, oltre che “arbitrario e capriccioso”.

L’avvocato di Earthjustice, Tim Preso, commenta: “La corte ha deciso che le uccisioni a vista su gran parte dello Stato devono fermarsi. Oggi, questa sentenza restituisce ai lupi la protezione di cui hanno bisogno nel Wyoming, che permetteva di sparare persino ai confini del Parco Naturale di Yellowstone e nelle foreste nazionali, dove i lupi sono considerati alla stregua di parassiti. Se il Wyoming vuole gestire questa specie, deve sviluppare un piano di conservazione adeguato che assicuri una popolazione abbondante degli animali”.

Il governatore del Wyoming, Matt Mead, non ci sta: ha già annunciato che si opporrà alla decisione del giudice, con l’obiettivo di far riprendere al più presto la caccia al lupo.

Foto: archivio.

© All4Animals - tutti i diritti riservati - la riproduzione di questi contenuti è soggetta all'autorizzazione dell'autore degli stessi.

2 Commenti

  1. Alterare gli equilibri della natura porta solo impoverimento, distruzione e morte dei territori e dei loro abitanti, animali od umani che siano.

    Bellissima notizia, e mi auguro che così rimanga sempre!

  2. Grande vittoria a cui ho partecipato anche io con le petizioni varie!

I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo. Più info | Ok, Accetto!
Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com
error: A causa di comportamenti scorretti e illegali di alcuni siti, siamo stati costretti a disabilitare la possibilità di copiare i contenuti del blog. Ci scusiamo con i lettori per il disagio.