Home / Addii / Torino: fiamme nella cascina. Bruciano vivi 16 bovini

Torino: fiamme nella cascina. Bruciano vivi 16 bovini

Sedici bovini sono morti bruciati a causa dell’incendio che si è sviluppato nella cascina nella quale erano detenuti. Il fatto è accaduto in provincia di Torino, a Pianezza, a causa dell’autocombustione del fieno fermentato depositato nei magazzini e nelle mangiatoie.

Sul posto sono subito intervenute sette squadre dei Vigili del Fuoco e due pompieri sono rimasti feriti nel tentativo, purtroppo inutile, di mettere in salvo gli animali che erano rinchiusi nelle stalle e dunque non hanno avuto alcuna possibilità di fuga.

Dell’edificio, che era assai vetusto, non è rimasto quasi nulla. I veterinari dell’ASL non hanno potuto fare altro che constatare il decesso degli animali e aiutare a mettere in salvo quelli sopravvissuti, di cui non è chiaro il numero.

Foto: archivio.

© All4Animals - tutti i diritti riservati - la riproduzione di questi contenuti è soggetta all'autorizzazione dell'autore degli stessi.

2 Commenti

  1. Laura Spinetti

    E io ribadisco che i primi responsabili di tutto questo,sono quelli che continuano a cibarsi di animali e derivati,ma si sa’,per scaricarsi la coscienza e’ sempre colpa di qualcun’altro

  2. Dio mio, povere Stelle… 🙁
    I bovini sono animali dolcissimi e remissivi… Posso immaginare il terrore di queste creature…
    Perché non fare un passo “indietro”? Perché non documentarsi? Perché sguazzare ancora nella melma della non conoscenza? Mi viene da dire “NON chiedete e vi sarà dato”, in riferimento alla domanda ed offerta.
    Per quanto ancora si resterà inchiodati a queste croci di ignoranza?

I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo. Più info | Ok, Accetto!
Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com
error: A causa di comportamenti scorretti e illegali di alcuni siti, siamo stati costretti a disabilitare la possibilità di copiare i contenuti del blog. Ci scusiamo con i lettori per il disagio.