Home / Cronaca / Latina: nel camion verso il macello un vitello di 20 giorni sofferente, a terra

Latina: nel camion verso il macello un vitello di 20 giorni sofferente, a terra

Ha solamente una ventina di giorni di vita il vitellino trovato sdraiato a terra all’interno di un camion destinato al mattatoio. Il mezzo è stato fermato nei pressi di Latina dalla Polizia Stradale, impegnata – come spesso accade durante i fine settimana – proprio in questo genere di controllo.

Nel tir erano rinchiusi diversi bovini: oltre al neonato, c’erano due femmine adulte e altri due vitellini maschi – quasi certamente inviati al mattatoio perché scarti dell’industria latto-casearia in quanto incapaci di produrre latte.

In considerazione della giovanissima età del vitello a terra e del suo stato di grave sofferenza, la Polstrada ha richiesto l’immediato intervento sul posto dell’ASL che ha accertato il grave stato di denutrizione del cucciolo, oltre che le precarie condizioni in cui veniva trasportato. La bestiola è stata quindi inviata nuovamente alla stalla di provenienza. Non morirà adesso ma certo è che verrà macellato, purtroppo, tra pochi mesi – poiché fintanto che c’è domanda di carne vi sarà offerta.

Il mezzo che trasportava gli animali è stato multato per un ammontare di 1500 euro. La vita degli altri reclusi non è stata salvata.

Foto: il vitello a terra (fonte Latina24Ore).

© All4Animals - tutti i diritti riservati - la riproduzione di questi contenuti è soggetta all'autorizzazione dell'autore degli stessi.

5 Commenti

  1. Io non so cosa scrivere. Perdonatemi.

  2. Chissà quanti anni ancora, chissà quanti miliardi di animali e quante centinaia di migliaia di esseri umani moriranno per il malcostume e per il mercato degli animali da reddito che sottrae ricchezza all’agricoltura e ivi possibilità di sfamare tutti, nonchè la sottrazione indicibile di acqua, l’inquinamento massiccio (tra farmaci e altro) e tutto l’indotto negativo che comporta tutto ciò.

    Chissà quando l’essere umano si sveglierà.

  3. senza parole

  4. “La vita degli altri reclusi non è stata salvata.”
    Che amarezza, basterebbe rivedere le proprie abitudini alimentari per porre fine a queste ingiustizie.

  5. Siamo una specie barbara se uccidiamo questi esserini appena nati!Loro non farebbero lo stesso con noi,non hanno tutta questa miseria interiore!

I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo. Più info | Ok, Accetto!
Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com
error: A causa di comportamenti scorretti e illegali di alcuni siti, siamo stati costretti a disabilitare la possibilità di copiare i contenuti del blog. Ci scusiamo con i lettori per il disagio.