Home / Addii / Vasto: i capodogli spiaggiati uccisi dall’air gun. EssereAnimali: “Episodio gravissimo”

Vasto: i capodogli spiaggiati uccisi dall’air gun. EssereAnimali: “Episodio gravissimo”

“I risultati delle autopsie sulle tre femmine di capodoglio (di cui una incinta) morte venerdì scorso sulla spiaggia di Vasto (CH) non lasciano molti dubbi. La presenza di gas nei corpi di questi grandi mammiferi (che ne ha portato la morte per embolia) indica che la causa dello spiaggiamento e della morte sia stata molto probabilmente provocata dalla pratica del cosiddetto “air-gun”, una sequenza di spari di aria compressa nel sottosuolo che provocano onde riflesse da cui estrarre informazioni su eventuali giacimenti petroliferi. Una pratica che, se anche non fosse in questo caso diretta conseguenza della morte dei capodogli, è estremamente lesiva per la fauna marina in quanto può causare ferite profonde, perdita dell’udito e dell’orientamento.

Questo gravissimo episodio, il secondo spiaggiamento più grande nella storia italiana dopo la tragedia del 2009 in Puglia in cui sette capodogli persero la vita, è diretta conseguenza della devastazione ambientale in atto da anni nella cosiddetta “Regione Verde d’Europa” e in altre regioni limitrofe.

Dal rischio attuale di realizzazione e completamento del discusso “centro oli” di Ortona alle nuove raffinerie in progetto di costruzione, l’Abruzzo si presta ad essere uno dei territori più a rischio di disastri ecologici. Non a caso, esperti ambientali e sismologi continuano ad segnalare i rischi dell’implementazione di attività minerarie in una zona ad elevata attività tellurica, con delle conseguenze disastrose in caso di forti scosse di terremoto.

Come per l’Abruzzo, anche altre regioni del nostro Paese rischiano di diventare dei distretti minerari. Per quale utilità reale? Dati recenti stimano che le riserve petrolifere nei nostri fondali corrispondano a circa 11 milioni di tonnellate. Con i nostri consumi attuali, queste riserve si esaurirebbero nel giro di due mesi, e i tanto sbandierati posti di lavoro creati dalle attività estrattive vedrebbero la propria fine nel giro di pochi anni.

Più di 700 pozzi esplorativi scavati, decine di piattaforme marine destinate ad attività estrattive e un “land-grabbing” vergognoso da parte di note compagnie petrolifere (con il silenzio assenso di parte dei politici locali) sono solo un piccolo assaggio di quello che potrebbe succedere negli anni a venire.

Il governo Renzi con il recente decreto “Sblocca Italia” ha infatti in serbo uno stanziamento di 15 miliardi di Euro al fine di “valorizzare i non trascurabili giacimenti di idrocarburi presenti sul territorio nazionale” e una serie di semplificazioni normative per concedere titoli minerari e facilitare le attività estrattive sul territorio nazionale.

Tutto questo quando è ormai chiaro che il futuro deve guardare esclusivamente a fonti di energia pulite e rinnovabili. A rimetterci per ora sono stati questi capodogli, ma presto non saranno più soltanto loro.”

Comunicato di EssereAnimali come pubblicato sul sito web ufficiale dell’associazione, a questo link.

Foto: i capodogli spiaggiati (archivio).

© All4Animals - tutti i diritti riservati - la riproduzione di questi contenuti è soggetta all'autorizzazione dell'autore degli stessi.

8 Commenti

  1. Lo immagino, Luca. Lo so, anzi.
    Buonanotte, per quanto possibile, a te e a tutti gli altri amici.

  2. maria rosaria amato

    Abbiamo fatto della terra su cui viviamo una discarica di rifiuti, la violentiamo in tutti i modi possibili, uccidiamo e torturiamo nella più completa indifferenza gli altri esseri viventi per farne cibo, ma anche semplicemente per ignoranza, indifferenza e incuria, senza renderci conto che noi non ne siamo i padroni assoluti, ma siamo soltanto una parte di essa, e che distruggendo la terra, distruggeremo inevitabilmente, in un futuro non troppo lontano, noi stessi. I politici ci dicono sempre che cosa guadagneremmo, non ci dicono mai che cosa perderemmo, nè quanto abbiamo già perso.

  3. Le multinazionali, i governi, la quasi totalità dei media mainstream mentono, sono bugiardi e vivono grazie alla truffa.

    Chi paga per tutto questo?
    Chi pagherà?
    NESSUNO perchè lo stato è complice e le multinazionali fanno quello che vogliono.

    Il progresso è solo finzione e distrazione, l’uomo stà involvendo, stiamo regredendo pesantemente.

  4. A Elisabetta!!! Volevo proprio dire ironicamente proprio quello che sostieni tu!!!

  5. A Luca.
    Il “progresso-regresso”, Luca. Quello che è in disarmonia assoluta con ciò che è naturale e perfetto, quello che ci sta portando indietro, non in avanti.

  6. Quale progresso? Quello di sentirsi onnipotenti di fronte al mondo. Tanto poi ci pensa “sorella” morte a chiudere la nostra esistenza e a ricordarci che non siamo padroni del mondo visto che non possediamo l’immortalità

  7. Tutto in nome del progresso: Ma quale progresso?

  8. In nome di “quale progresso?” abbiamo distrutto un eden ben più prezioso di quello biblico. Questo fatto è di una gravità inaudita. È un concentrato di stupidità, prepotenza, arroganza, abominio, crudeltà, specismo allo stato puro, ignoranza, ignavia, indifferenza… altro.
    Se veramente questo Pianeta volge alla distruzione spero si salvino gli animali e le persone che agiscono con coscienza.

I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo. Più info | Ok, Accetto!
Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com
error: A causa di comportamenti scorretti e illegali di alcuni siti, siamo stati costretti a disabilitare la possibilità di copiare i contenuti del blog. Ci scusiamo con i lettori per il disagio.