Home / Addii / Orso ucciso a L’Aquila: dubbi sulla versione fornita dal responsabile

Orso ucciso a L’Aquila: dubbi sulla versione fornita dal responsabile

Cominciano ad emergere i primi dubbi “ufficiali” sull’ipotesi di “uccisione accidentale” dell’orso marsicano trovato senza vita a L’Aquila, qualche giorno fa. L’animale, colpito alle spalle da diversi pallettoni sparati da un fucile di quelli utilizzati per la caccia al cinghiale, era morto perché una scheggia di proiettile gli aveva perforato l’intestino provocandogli una peritonite acuta e fatale.

Antonio Centofanti, l’operaio di 61 anni responsabile dell’uccisione del raro plantigrado, individuato dagli uomini del Corpo Forestale dello Stato sostiene che i colpi siano stati sparati accidentalmente, a distanza ravvicinata ma senza l’intenzione di causare alcun danno all’animale.

Invece, secondo quanto pubblicato nelle scorse ore dal magazine NelCuore, i colpi sull’orso sarebbero stati sparati ad una distanza di circa 30 metri. Non solo: Centofanti aveva dichiarato di aver sparato “a casaccio” trovandosi faccia a faccia con l’orso, ma i proiettili hanno raggiunto l’animale alle spalle, nella zona posteriore sinistra.

Al momento, al 61enne è contestato il reato di uccisione di animale protetto ma la sua posizione potrebbe aggravarsi.

Foto: l’orso ucciso (archivio).

© All4Animals - tutti i diritti riservati - la riproduzione di questi contenuti è soggetta all'autorizzazione dell'autore degli stessi.

2 Commenti

  1. Che tristezza vedere un orso per terra così,è la prima cosa che penso.Non voglio fare sentenze anticipate ma come prima cosa voglio giustizia per questo orso.Da questa storia si capisce come fra i cacciatori ci sono persone con un labile equlibrio mentale quindi non adatti a maneggiare armi,questo concetto dovrebbe essere alla base dei requisiti per il rilascio del porto d’armi.Questa può essere benissimo una persona che soffre di psicosi e sull’onda della paura degli orsi indotta dai mass media pilotati ha ucciso l’orso vedendolo come un feroco pericolo,nella sua mente.

  2. Come può un criminale non essere pure falso?

I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo. Più info | Ok, Accetto!
Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com
error: A causa di comportamenti scorretti e illegali di alcuni siti, siamo stati costretti a disabilitare la possibilità di copiare i contenuti del blog. Ci scusiamo con i lettori per il disagio.