Home / Cronaca / Oggi ricomincia la caccia. ENPA: “2014 annus horribilis per gli animali”

Oggi ricomincia la caccia. ENPA: “2014 annus horribilis per gli animali”

“Richiami vivi, nutrie, lupi, orsi, caccia sulla neve e stagioni impazzite; per la fauna selvatica, ormai stremata, quello in corso è stato e continua ad essere un annus horribilis. Il cui bilancio è destinato a peggiorare a partire da domenica 21 settembre con l’apertura ufficiale della stagione venatoria, che segue le preaperture concesse ad inizio mese da molte regioni.

«Puntualmente, come tutti gli anni, ci vediamo nuovamente costretti a fare i conti con l’impressionante pressapochismo di regioni e province – commenta l’Ente Nazionale Protezione Animali -, che, per guadagnarsi facili consensi tra i cacciatori, non esitano a dare vita a veri e propri “mostri giuridici” pur di ampliarne i carnieri.»

Una deferenza incomprensibile, questa, vista l’inarrestabile emorragia che ha colpito il “popolo delle doppiette”: nel solo Bolognese sono ben 400 i cacciatori che hanno appeso il fucile al chiodo. Il calo, peraltro, non viene compensato dalle nuove leve perché, giustamente, la stragrande maggioranza dei giovani così come degli italiani sono contrari all’uccisione di animali per divertimento.

L’incapacità delle istituzioni di far rispettare la legge – molto spesso sono proprio le autorità locali e statali a violarla con provvedimenti contrari tanto all’etica quanto alla scienza – emerge anche dalla preoccupante impennata del bracconaggio. Bracconaggio che viene talvolta fomentato dalle dichiarazioni degli amministratori pubblici che talvolta sembrano interessati più a dichiarare guerra alla fauna selvatica che a proteggere quello che l’articolo 1 della legge 157/1992 definisce chiaramente come “patrimonio indisponibile dello Stato”.

«Contro la caccia in generale, e contro il bracconaggio in particolare, è ormai indispensabile un giro di vite – prosegue la Protezione Animali – per questo chiediamo si sospendere l’attività venatoria anche e soprattutto nei territori degli ATC dove si siano verificati episodi di legati alla caccia di frodo. E’ ormai a tutti chiaro che nel nostro Paese è in corso una vera e propria guerra contro la fauna selvatica, fomentata da quanti pensano di conquistare le prime pagine di giornali, e i consensi politici, lanciando allarmi infondati.»”

Comunicato stampa pubblicato da ENPA sul suo sito web ufficiale.

Foto: archivio.

© All4Animals - tutti i diritti riservati - la riproduzione di questi contenuti è soggetta all'autorizzazione dell'autore degli stessi.

7 Commenti

  1. Ma smettetela di ammazzare gli animali, inquinare l’ambiente ed infrangere la legga, ma soprattutto uccidere persone.
    Assassini, c’è sempre tempo per cambiare.
    Assassini.

  2. VERGOGNA solo VERGOGNA

  3. Basta con questa crudeltà

  4. P.S. Se si sparassero fra loro sarebbe l’optimum.

    —> Correva l’anno di (dis)grazia 2012: http://www.bighunter.it/Home/Editoriale/Editoriale/tabid/204/newsid730/11735/Default.aspx

  5. Cara Laura,
    ho avuto lo stesso tuo pensiero. Magra consolazione, sì, e senza alcuna malignità, vero? 😉

  6. La foto di apertura articolo ci dice che razza di energumeni e vigliacchi sono questa gentaglia compreso i politici che permettono tutto questo.Spero soltanto che ci siano molti incidenti che tanto mi piacciono……..magra consolazione,ma meglio di niente…
    ..

    .

  7. Il senso. Non comprendo il senso di tutto questo. Non comprendo la logica, intendo. A parte il fatto che di illogico c’è davvero troppo, ma l’accanimento su ciò che è privo di senso è qualcosa che desta rabbia ed amarezza. Io vivo in un Paese intriso di pochezza di pensiero e di sentimento. Vivo in un Paese in cui si fanno piccoli passi in avanti, dopo che c’è “scappato il morto”, Il mio Paese è governato da “signori” che non ragionano. E questo mondo, l’unico possibile per tutti, è sfinito. Tutto ciò che era naturale è stato sempre più trasformato in artefatto.
    Vorrei conoscere da “lor signori” quale sia il senso dell’accanirsi volutamente su ciò che arreca ulteriore distruzione e morte. Vorrei poter dire a costoro, usando le parole di Seneca, che “sono già morti prima di morire”. Vorrei potergli ricordare che sulla nave che sta colando a picco ci sono anche loro!

I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo. Più info | Ok, Accetto!
Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com
error: A causa di comportamenti scorretti e illegali di alcuni siti, siamo stati costretti a disabilitare la possibilità di copiare i contenuti del blog. Ci scusiamo con i lettori per il disagio.