Home / Addii / Bolzano: capretta scappa dal macello. La prendono e la riportano al mattatoio

Bolzano: capretta scappa dal macello. La prendono e la riportano al mattatoio

È già stata macellata, la capretta che qualche giorno fa si aggirava disorientata nella zona industriale di Bolzano. I vigili del fuoco sono intervenuti per recuperarla dopo che un passante, notandola, aveva avvisato le autorità.

Il povero animale, nel tentativo di salvarsi la vita, era fuggito dal macello cittadino. Per lui, tuttavia, non c’è stata alcuna pietà: i pompieri si sono limitati a farlo bere un po’, perché disidratato e terrorizzato, per poi riportarlo al mattatoio. Qui, la bestiola è stata purtroppo macellata, come troppi altri suoi simili che muoiono ogni giorno nel silenzio più assordante.

Nella foto: la capra al momento del recupero (fonte NelCuore).

© All4Animals - tutti i diritti riservati - la riproduzione di questi contenuti è soggetta all'autorizzazione dell'autore degli stessi.

21 Commenti

  1. Un abbraccio a te, Massimo.

  2. In effetti ci ho messo un pò per capire come registrarmi cmq forse ho fatto.

  3. Ah capito,una forma di psicopatico computerizzato…
    Forza Sciò,credo da come racconti che si tratta di un gatto investito,se ti dovessero servire consigli io conosco questo sito per gattofili http://www.micimiao.it dove in genere ci sono molto consigli ed un ampio forum.
    Un caloroso abbraccio.

  4. molto bene gatto sciò. forza!

  5. Caro Massimo,

    nel mondo virtuale un “troll” è un disturbatore, solitamente nascosto dietro ad un nome fittizio, che ha come scopo quello di provocare gli utenti o un utente in particolare fino a spazientirli/o. I troll sono abili istigatori nella cui trappola è difficile non cadere, a meno che li si ignori. Il peggiore smacco dato ad un troll è infatti l’assoluta indifferenza.
    Spero di essere stata chiara, amico caro.
    ~
    Approfitto dello spazio per aggiornare te e gli altri amici sulle condizioni di Gatto Sciò.
    Il mio adorato micione è sotto terapia con analgesici e anticoagulanti. Pare non abbia subito lesioni interne. La minzione e la defecazione sono abbastanza buone, ma riesce a fare “popò” soltanto quando è sotto l’effetto degli antidolorifici. Le zampine rispondono alle stimolazioni. Ovviamente è chiuso in una sorta di gabbione, per evitare che eventuali movimenti possano peggiorare le fratture al bacino. Lui se ne sta lì tranquillo e pacioccone, mangia, beve, dorme e fa le fusa. La sua signorile pazienza mi strazia il cuore… Noi umani ululiamo per un graffietto, gli animali invece sopportano tutto con dignità, anche i dolori più atroci.
    Un abbraccio a te, Massimo e a tutti gli altri amici.

  6. I troll sarebbero tipo dei zoombi?

  7. Nota Bene: mi riferisco ai commenti dell’articolo di Oscar Grazioli.

  8. Preziosa quanto tutti voi. ne’ +, ne’ –
    Mi spiace soltanto una cosa; ai commenti ve ne sono molti di “trollacci” buoni soltanto a fare scempio di qualsiasi emozione positiva e di sensibilità, sia dell’autore e del suo delicato scritto che dei lettori “seri”.

  9. In verità potevano pure graziarla, alla fine è riuscita a scappare.
    Non c’è nessuna dignità in tutto ciò.
    Elisabetta, grazie a te per la condivisione!

  10. Caro Massimo,
    il mio è un blog protetto. Per accedervi devi chiedermi… di accedervi. Non è un gioco di parole. E non chiedermi come si fa, perché non lo so neanch’io <3
    Questo è il link: http://elisabettalelli.wordpress.com/

    Un abbraccio a te.

  11. Scusate volevo dire Pasolini nell’intervento precedente,a volte litigo con la tastiera.Ele grazie a te mi posti il tuo blog?

  12. Grazie a voi, amici cari. E grazie a Johnny, Massimo, Barbara, Rosy, Marilena, Sergio… grazie a TUTTI <3

  13. Brava Ele,ci sarebbe molto da scrivere;diceva in una canzone Bertoli:non voglio vivere in un paese di nani e cioè quello che siamo noi.Ci vorrebbe una legge morale che fa salvi questi animali.Poi ci vorrebbe una legge morale a tavola e limitare l’uso della carne ed evitare le specie tipo conigli,capretti,agnellini,mailini e altro che non sono indispensabili.Come diceva Paolini l’Italia è un paese anonimo,senza memoria e senza passato.

  14. grazie Elisabetta, preziosissima come sempre!

  15. Con il vostro permesso vorrei condividere con voi il pensiero di Oscar Grazioli in merito a questa triste storia.
    Grazie.
    http://notizie.tiscali.it/socialnews/Grazioli/14567/articoli/Quel%20che%20volete.html

  16. Come gestiamo male gli umani,gestiamo male gli animali mi sembra una buona equazione.

  17. TRISTE REALTA 2014

  18. Io me la sarei portata a casa (e credo tutti, qui)…
    GO VEGAN!

  19. neanche pensare di provare a darle una possibilità,via direttamente al macello………mah!

I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo. Più info | Ok, Accetto!
Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com
error: A causa di comportamenti scorretti e illegali di alcuni siti, siamo stati costretti a disabilitare la possibilità di copiare i contenuti del blog. Ci scusiamo con i lettori per il disagio.