Home / Cronaca / India: in Himachal Pradesh bandito ogni sacrificio animale, tradizione finalmente spezzata

India: in Himachal Pradesh bandito ogni sacrificio animale, tradizione finalmente spezzata

Un’ottima notizia arriva dal nord dell’India, e in particolare dallo Stato dell’Himachal Pradesh, dove è stato finalmente bandito il sacrificio di animali.

La notizia è degli scorsi giorni e sta facendo il giro del mondo sui principali quotidiani, anche perché segue un’altra importante decisione del governo indiano: quella di vietare l’esportazione di animali per l’annuale Festival di Gadhimai, in Nepal – che rappresenta ad oggi il sacrificio di animali più grande del mondo (ne avevamo parlato qui).

A mettere la parola fine alla trazione dei sacrifici animali per motivi religiosi in Himachal Pradesh è stata l’Alta Corte, che ha anche richiesto alle forze dell’ordine di tutto il Paese di agire con forza per rinforzare il bando, che generalmente colpisce gli ovini all’interno dei locali tempi Hindu.

La corte ha così motivato la sentenza: “Nessuna persona sacrificherà alcun animale in alcun luogo di culto, incluse le zone limitrofe. Una rivelazione sconvolgente è stata fatta: migliaia di animali vengono sacrificati ogni anno in nome della fede. Il sacrificio causa dolori e sofferenze immense ad animali innocenti. Non si può più permettere che vengano sacrificati per accontentare una divinità in una maniera tanto barbarica”.

La corte ha messo in dubbio non solo la legittimità di questo tipo di pratica, ma anche le sue motivazioni profonde, sostenendo che rituali di questo tipo devono finire in quest’epoca. La sentenza è stata emessa su richiesta dei locali gruppi di tutela animali, che ora applaudono alla decisione.

“Diamo il benvenuto al bando dei sacrifici animali perché metterà finalmente la parola fine a secoli di crudeltà sugli animali nel nome della religione”, ha dichiarato un locale attivista.

Naturalmente, la decisione non è piaciuta a tutti e qualcuno la considera “contraria alla tradizione”. Per il momento, comunque, il divieto resta.

Foto: archivio.

© All4Animals - tutti i diritti riservati - la riproduzione di questi contenuti è soggetta all'autorizzazione dell'autore degli stessi.

Un commento

  1. Mi auguro che il divieto venga rispettato e che permanga in maniera definitiva ed assoluta.
    Un ringraziamento a chi ha inoltrato questa legittima richiesta e all’Alta Corte che ha determinato il bando.

    Spero che non si violi il divieto andando altrove a sacrificare gli animali.
    Thank you.

I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo. Più info | Ok, Accetto!
Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com
error: A causa di comportamenti scorretti e illegali di alcuni siti, siamo stati costretti a disabilitare la possibilità di copiare i contenuti del blog. Ci scusiamo con i lettori per il disagio.