Home / Campagne / Giorni contati per il toro Elegido: martedì 16 settembre si terrà il Toro de la Vega

Giorni contati per il toro Elegido: martedì 16 settembre si terrà il Toro de la Vega

 

Manca poco alla morte di Elegido, l’ennesimo toro che verrà sacrificato nel corso dell’annuale mattanza di Tordesillas, denominata “Toro de la Vega”.

Della questione ci occupiamo ogni anno, in settembre, quando la manifestazione riesce a compiersi nonostante le proteste da tutto il mondo non si plachino e, anzi, si intensifichino.

Quello che avviene durante il Toro de la Vega è che un toro appositamente prescelto viene lasciato libero di correre in una zona circoscritta mentre viene inseguito da centinaia di uomini armati di picche lunghe fino a due metri, i lancieros. Alcuni di questi sono a cavallo, altri sono a piedi.

Il toro, spaurito e disorientato, non ha dove scappare e la manifestazione premia il lanciero che per primo riesce ad ucciderlo. Di norma, i tori vittima del Toro de la Vega soffrono un terrore e una sofferenza psicofisica inenarrabili prima di morire, venendo trafitti decine e decine di volte.

Infine, mentre il toro ancora agonizza, il “vincitore” procede a mozzargli la coda, infilzata sulla lancia mentre viene portato “in trionfo”.

Le ultime quattro vittime si chiamavano Vulcano (morto dopo cinque minuti dall’inizio dell’evento, senza dare soddisfazione ai suoi carnefici ma anzi incornandone diversi), Volante (perito dopo una lunga sofferenza), Afligido, Platanito.

La vittima prescelta di quest’anno si chiama Elegido (“Eletto”) e la sua morte è fissata per il prossimo 16 settembre 2014.

Ciò che è più sconvolgente è che, in barba alle proteste internazionali, Tordesillas abbia (nuovamente) richiesto che il Toro de la Vega venga dichiarato patrimonio culturale e che il governo spagnolo avvalli questo comportamento disumano, assegnando 121 agenti della Guardia Civil per “tutelare l’evento” dalle proteste.

Già negli scorsi anni gli attivisti spagnoli per i diritti animali avevano protestato in maniera febbrile durante l’uccisione dei tori, rimanendo spesso vittima della violenza dei lancieros.

Il cordone di sicurezza di quest’anno, oltre ai 121 agenti della Guardia Civil, preverrà anche un plotone di riserva, una unità in elicottero e agenti a cavallo. L’obiettivo è il solito: non permettere agli attivisti né di protestare né di rendere nota la violenza della manifestazione.

Il Toro de la Vega continua imperterrito a prendersi vite animali in una protesta ormai generalizzata e portata avanti anche da parte di diverse figure pubbliche spagnole, riunite anche quest’anno nel video “Rompe una Lanza” (“Spezza una Lancia”) che potete trovare a questo link. A organizzare le proteste è, come sempre, il PACMA, Partito Animalista spagnolo, che si batte da anni contro questa barbarie e continua anche a raccogliere firme sul suo sito web (anche voi potete firmare a questo link).

Elegido, intanto, è tranquillo: il morlaco nero di 600 chili di peso e di indole tranquilla non sa di dover morire.

Nella foto: il povero Elegido, il toro previsto per il sacrificio di quest’anno (fonte El Norte de Castilla). Di seguito, il video che mostra la sorte toccata a uno dei suoi predecessori, Afligido.

© All4Animals - tutti i diritti riservati - la riproduzione di questi contenuti è soggetta all'autorizzazione dell'autore degli stessi.

13 Commenti

  1. Elegido è morto, come prima di lui sono morti molti suoi fratelli, per un assurdo “divertimento” di individui che non oso chiamare “persone”.

    Con il consenso dello staff di A4A vorrei condividere un video che tocca il cuore… di chi ce l’ha. A voi, amici cari, con tutta la tenerezza possibile.

    http://youtu.be/L51BxWBnQQQ

  2. Certo…crudeltà enormi fatte da persone senza sentimenti! Maledetti assassini e maledetti partecipanti!!

  3. No a queste tradizioni perché non fanno correte uno spagnolo e lo prendono a pedete potrebbe essere una nuo
    va tradizione

  4. E’ una cosa crudele e indegna di esseri umani che si definiscono civili…probabilmente queste persone per capire le sofferenze di questi esseri innocenti dovrebbero patire le stesse pene!

  5. Allora tirassero di boxe perchè a stilettare un toro confinato, drogato ed impaurito colletivamente è veramente da stupidi vigliacchi, dicesi anche piscialletto.
    Vergogna!

  6. oh beh johnny, loro lo fanno per machismo.

  7. Posso chiedere cosa significa fare una cosa del genere ad un animale?
    Potrei quasi arrivare a credere che il cd torero, da solo (ma nemmeno è così) “combatte” contro il toro.
    Ovviamente questa è una mistificazione, il torero ha spade e altre armi e il toro è sempre drogato e senza via di scampo, facile trudicarlo alla fine.

    Ma il motivo di questa mattanza?

  8. Ho firmato ma senza nessuna speranza.

  9. petizione firmata,speriamo in bene

  10. basta con questi atti d’incivilta’… RISPETTO PER GLI ANIMALI INNOCENTI

  11. Bastaaaaaaaaaa…..civilizzatevi popolo

  12. Che pena e che strazio infinito ho provato guardando quel video,immagini che tolgono il respiro.Gente cattiva d’animo che non merita di stare al mondo,sono soltanto degli assassini che con la scusa della tradizione godono a torturare una creatura indifesa.Queste merde devono morire nel peggiore dei modi

  13. fermateli queste bestie per favore

I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo. Più info | Ok, Accetto!
Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com
error: A causa di comportamenti scorretti e illegali di alcuni siti, siamo stati costretti a disabilitare la possibilità di copiare i contenuti del blog. Ci scusiamo con i lettori per il disagio.