Home / Cronaca / Brescia: vanno in ferie e chiudono in casa mamma gatta e cuccioli appena nati

Brescia: vanno in ferie e chiudono in casa mamma gatta e cuccioli appena nati

È salva per miracolo la famigliola felina che a Carpenedolo, in provincia di Brescia, era stata chiusa in casa da una coppia partita per le vacanze.

Per giorni gli abitanti della zona hanno udito mamma gatta miagolare disperatamente dall’interno di un appartamento in centro. A quel punto è partita la segnalazione ad OIPA, che è intervenuta sul posto con la volontaria Simona Duci.

Racconta l’attivista: “La micia piangeva notte e giorno, disperatamente. La credevamo sola e incustodita, e invece cercava di salvare i suoi piccoli. I suoi padroni, un nordafricano e una italiana, l’avevano lasciata sola coi i suoi gattini appena nati. Purtroppo, per procurarsi da mangiare, la micia è uscita da una persiana senza riuscire a rientrare. Si è straziata per giorni”.

Grazie all’intervento della Duci e di altri volontari è stato infine possibile fare qualcosa: nello specifico, è stato creato un percorso perché mamma gatta potesse entrare e uscire agevolmente dall’appartamento e contestualmente lasciato un cartello che chiedeva di essere ricontattati per prendere in affido la famigliola. Secondo i vicini, infatti, “qualcuno sarebbe passato per sfamarli”.

Questo, però, non è accaduto e Simona Duci è quindi tornata sul posto: “Nessuno voleva prendersi la responsabilità di farci entrare nella casa della famiglia assente per ferie. Per fortuna un angelo ci ha aiutato. Si tratta dell’appuntato Zanetti dei carabinieri di Carpenedolo che incredibilmente, nel mese di agosto, è riuscito a ottenere il permesso del magistrato che ci ha permesso di entrare a recuperare i gattini. Nell’appartamento c’erano vermi, cibo putrefatto e feci ovunque. I gatti hanno tutti gastroenterite e parassiti. Sono denutriti e disidratati”.

Il magistrato ha quindi deciso di affidare temporaneamente gli animali alla volontaria, che a sua volta li ha trasferiti presso una adeguata struttura veterinaria. Quest’ultima, va sottolineato, ha accettato di prendersi cura di loro a titolo gratuito. I proprietari sono stati denunciati per abbandono di animali e detenzione in condizioni incompatibili con la loro natura etologica.

Foto: archivio.

© All4Animals - tutti i diritti riservati - la riproduzione di questi contenuti è soggetta all'autorizzazione dell'autore degli stessi.

4 Commenti

  1. Grazie ai vicini che hanno allertato l’OIPA, grazie all’OIPA che è intervenuta, grazie al Sig. Appuntato che ha permesso il recupero della gattina coi suoi cuccioli, grazie al magistrato che ha rilasciato il permesso per poter trarre in salvo la piccola famigliola di animaletti.

    Questo insegna che se le persone vogliono basta un po’ di impegno tutti insieme per fare la cosa giusta.
    Bisogna volerlo.

    Grazie a tutti!

  2. Un po’ più di solerzia sì e un po’ più di empatia verso queste creature, purtroppo vige invece l’indifferenza totale. Grazie invece al Magistrato e alla Volontaria e all’Appuntato dei Carabinieri. Quando si opera in sinergia (e non succede quasi mai) i risultati si vedono.

  3. E, come al solito, un po’ più di solerzia da parte di tutti non sarebbe guastata……visto che la micia piangeva “giorno e notte”!

  4. ma per fortuna hanno segnalato la micina in difficoltà,che scempio sarebbe stato……..sicuramente come al solito il proprietario aveva lasciato incarico a qualche brava persona che però non aveva capito cosa poi doveva fare,praticamente le solite stronzate del caso……..

I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo. Più info | Ok, Accetto!
Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com
error: A causa di comportamenti scorretti e illegali di alcuni siti, siamo stati costretti a disabilitare la possibilità di copiare i contenuti del blog. Ci scusiamo con i lettori per il disagio.