Home / Cronaca / Savona: anatra abbandonata e ferita annaspa nel torrente. Salvata dai Vigili del Fuoco

Savona: anatra abbandonata e ferita annaspa nel torrente. Salvata dai Vigili del Fuoco

Un’anatra ferita è stata salvata dai Vigili del Fuoco a Varazze, in provincia di Savona. L’animale si era procurato una lesione ad un’ala cadendo in una zona impervia del torrente Teiro.

ENPA Savona, che ha preso in carico il volatile dopo l’intervento dei pompieri, spiega che si tratta di un esemplare domestico, “un ibrido di anatra svedese, quasi certamente abbandonato da chi lo aveva acquistato in un allevamento ma poi si era stufato di tenerlo come elemento ornamentale del giardino”.

Ora l’anatra è in cura e, quando la frattura sarà completamente guarita, le guardie zoofile valuteranno se sarà opportuno rimetterla in natura oppure trovarle una nuova casa in cui venga accudita a dovere. Purtroppo, secondo ENPA, anche i volatili sono vittime di abbandono: “La presenza di volatili semidomestici abbandonati, come anatre, germani, oche, è ormai diffusa alle foci dei torrenti di quasi tutte le cittadine costiere. Oltre a Varazze ve ne sono a Savona, Spotorno, Finale, Pietra Ligure, Loano, Borghetto, Albenga. Non essendo completamente avvezzi alla vita selvatica questi animali sopravvivono con il cibo offerto loro, per pietà e amore, da cittadini e turisti”.

Nella foto: l’anatra soccorsa (fonte IVG).

© All4Animals - tutti i diritti riservati - la riproduzione di questi contenuti è soggetta all'autorizzazione dell'autore degli stessi.

Un commento

  1. Che tristezza!
    Un grande ringraziamento ai VVFF e all’ENPA.

I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo. Più info | Ok, Accetto!
Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com
error: A causa di comportamenti scorretti e illegali di alcuni siti, siamo stati costretti a disabilitare la possibilità di copiare i contenuti del blog. Ci scusiamo con i lettori per il disagio.