Home / Cronaca / Vicenza: famiglia salva un nibbio in agonia. Lui si riprende, e ora è libero

Vicenza: famiglia salva un nibbio in agonia. Lui si riprende, e ora è libero

È libero e si è già ricongiunto alla sua compagna il nibbio in grave difficoltà salvato nelle scorse settimane in provincia di Vicenza. L’animale era stato notato cadere da un’albero nel giardino della famiglia Pellattiero. Papà Italo e figlia Deborah, che già in passato si erano presi cura di alcuni barbagianni, erano immediatamente intervenuti per prestargli soccorso e lo avevano trasportato al Centro Rapaci di Fimon.

Qui, lo staff veterinario aveva riscontrato che il rapace risultava svenuto, riverso sul dorso, con una frequenza respiratoria bassissima e le ali leggermente aperto.

Racconta il responsabile del CRAS, Alberto Fagan: “I pettorali erano sviluppati, segno che non era denutrito. Ho immaginato che si trattasse di un’intossicazione, perché il nibbio bruno e quello reale sono spazzini che cacciano e mangiano anche nelle discariche. L’ho curato per quello, somministrandogli un antidoto e ho aspettato. Pensavo di trovarlo morto, e invece il giorno dopo era bello arzillo”.

Il maestoso rapace è stato tenuto in osservazione ancora diversi giorni per poi essere liberato alla fine della scorsa settimana: l’animale, come per ringraziamento, ha giocato con le correnti d’aria ascensoriali sopra la testa dei suoi soccorritori per poi ricongiungersi, tra le nuvole, con quella che quasi certamente è la sua compagna. Sono volati via insieme.

Foto: archivio.

© All4Animals - tutti i diritti riservati - la riproduzione di questi contenuti è soggetta all'autorizzazione dell'autore degli stessi.

4 Commenti

  1. Grazie alla famiglia Pellattiero che è intervenuta immediatamente e grazie anche al CRAS!
    😀

    P.S.: Giusto ieri sera in campagna da alcuni amici ho visto svolazzare un bellissimo Barbagianni!!! 🙂

  2. Da vicentina ma soprattutto da amante di tutti gli animali ringrazio il signor Pellattiero, la figlia e il Centro non succede spesso di trovare tanta sensibilità nelle persone, grazie ancora.

  3. bellissima storia,un ringraziamento alla Deborah e al suo papà che prontamente si sono dati da fare per consegnarlo nelle giuste mani grazie a tutti…..

I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo. Più info | Ok, Accetto!
Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com
error: A causa di comportamenti scorretti e illegali di alcuni siti, siamo stati costretti a disabilitare la possibilità di copiare i contenuti del blog. Ci scusiamo con i lettori per il disagio.