Home / Addii / Verona: ditta chiude per ferie e abbandona i cani nel recinto. 5 cuccioli trovati morti

Verona: ditta chiude per ferie e abbandona i cani nel recinto. 5 cuccioli trovati morti

Non c’è stato nulla da fare per almeno cinque dei numerosi cani trovati abbandonati a se stessi nel recinto di un’azienda chiusa per ferie. Gli animali, tutti cuccioli, erano già morti al momento dell’intervento delle autorità.

È accaduto a Cologna, in provincia di Verona, nella zona industriale della città: la ditta aveva chiuso per ferie e aveva abbandonato gli animali all’interno della proprietà, senza più acqua né cibo.

I cani sopravvissuti, tutti di razza cane corso, sono nove e versano in un preoccupante stato di denutrizione che potrebbe mettere a repentaglio la loro vita. A notare lo stato di assoluto degrado in cui erano detenuti è stato un camionista, che ha subito fermato una pattuglia dei vigili urbani raccontando di aver udito i disperati latrati degli animali.

Le forze dell’ordine sono subito intervenute sul posto, scoprendo che l’azienda risultava chiusa almeno dallo scorso 6 agosto.

I cani erano detenuti all’interno di un appezzamento incolto, in un recinto di rete: due adulti di cane corso, maschio e femmina, risultavano visibilmente deperiti, disidratati e ormai nervosissimi a causa di fame e sete. Vicino alla cagna erano presenti anche dodici cuccioli nati solamente da pochi giorni e ancora con gli occhi chiusi: cinque di loro, purtroppo, erano morti – quasi certamente a causa dell’inedia.

Secondo alcuni lavoranti della zona la situazione si presentava così penosa da oltre una settimana, tanto che era stato necessario trovare il modo di nutrire e dissetare gli animali – cosa purtroppo non facile a causa dell’alta siepe presente.

Su autorizzazione del magistrato, i vigili sono entrati nella proprietà assieme ai pompieri, ai veterinari e agli accalappiacani. Il proprietario, contattato, si è giustificato dicendo di essere stato costretto a partire a causa di urgenti incombenze lavorative, ha sostenuto di non sapere nulla dei cuccioli e riferito di aver lasciato detto ad una conoscente di nutrire i cani.

I due cani corso adulti, molto nervosi, sono stati entrambi sedati ed esaminati dai veterinari: la cagna, a causa delle pessime condizioni di malnutrizione e disidratazione, non aveva più latte per nutrire i suoi piccoli neonati – ragione per la quale cinque di essi erano deceduti solo qualche giorno dopo essere venuti al mondo.

Tutti i cani ancora vivi sono stati posti sotto sequestro e collocati in una struttura convenzionata. In particolare, il maschio adulto sembrerebbe ancora in pericolo di vita.

Il proprietario è stato denunciato per maltrattamento e uccisione di animali.

Foto: archivio.

© All4Animals - tutti i diritti riservati - la riproduzione di questi contenuti è soggetta all'autorizzazione dell'autore degli stessi.

14 Commenti

  1. Possano andare falliti questi infami!

  2. Gentile Alberto, non ne siamo a conoscenza.

  3. ALBERTO CASTELLANI

    COME SI CHIAMA L AZIENDA ?

  4. Questo assassino non dice una sola parola di verità. Non c’era NESSUNA persona che doveva occuparsi dei cani, non c’era NESSUNA urgenza lavorativa che l’ha allontanato, c’è SOLO crudeltà e indifferenza come sempre. Certo che anche i vicini aspettare una settimana…Grazie invece al camionista per la sua sensibilità

  5. I lavoratori della zona hanno notato le condizioni dei cani che risultava penosa da una settimana … Hanno provato a dar loro da bere e da mangiare … Ma a causa della recinzione era difficile???? Ma non bastava allertare subito le forze dell’ordine???? E se il camionista non fosse passato??? I lavoratori della zona avrebbero ancora fatto tentativi???? Scusate ma veramente si fanno soffrire animali inutilmente solo perché la recinzione è alta?? Boh … Qualcosa non torna … O le notizie non sono precise o la gente è proprio scema …. Di mezzi per intervenire c’è n’è più di uno … Basta solo accendere il cervello e fare due telefonate, una alla polizia municipale e una alla ASL di competenza … Cmq grazie al camionista che si è fermato !

  6. Sandra Palazzi

    civili come è stato il proprietario dei cani

  7. francesca d Antonio

    Spero ke paghi anke se è ststo denunciato nn deve passarla liscia nn c’è scuse ke tenga….

  8. mariagloria evangelista

    Non si finisce più di sentirne !

    Ogni giorno ce n’è una peggiore dell’altra !

  9. Ma no, ma non è possibile una cosa simile! Ma sono tutti deficienti, padrone e operai o chi per loro? Cosa credevano, che si nutrisse di aria tutta quella moltitudine di cani, oltretutto di taglia grande? Io, davvero, non ho più parole riguardanti l’umana idiozia! Basta, basta, che almeno venga data una salatissima multa per maltrattamento di animali a quella sottospecie di “imprenditore”!!!!!!!

  10. sergio zanganelli

    Ci sarà qualcuno che li denuncia sti assassini. Lo spero, fatemi sapere per favore. Per intanto auguro la sfigA SEMPITERNA A QUESTA GENTAGLIA

  11. Vergogna! Fate il nome della ditta e del responsabile!

  12. nononono…….basta con le scuse che c’era un’altro che doveva occuparsi dei cani e che lui non sapeva niente dei cuccioli dio santo se nn ti accorgi che il cane è incinta…….sei proprio scemo…….e proprio perché un’altro deve occuparsi dei tuoi cani, non chiami non ti informi se è vero che tutto va bene????

  13. Ma… gli operai dell’azienda, perché non hanno denunciato questo abbandono?? Tutti (immagino), sapevano che la femmina fosse incinta! Ma nessuno s’è premurato di constatare almeno le condizioni di salute di questa creatura e dei suoi cuccioli!
    Vergogna!
    Il proprietario dell’azienda è un criminale e un interdetto.
    Grazie all’autotrasportatore e grazie ai Vigili, ovviamente… Niente altro da dire.

I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo. Più info | Ok, Accetto!
Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com
error: A causa di comportamenti scorretti e illegali di alcuni siti, siamo stati costretti a disabilitare la possibilità di copiare i contenuti del blog. Ci scusiamo con i lettori per il disagio.