Home / Addii / Sondrio: asina incinta soccorsa dall’elicottero, ma l’imbracatura si rompe e lei precipita nel vuoto

Sondrio: asina incinta soccorsa dall’elicottero, ma l’imbracatura si rompe e lei precipita nel vuoto

È precipitata nel vuoto e non è purtroppo sopravvissuta, l’asina incinta che, in provincia di Sondrio, era stata soccorsa da un elicottero che avrebbe dovuto portarla a valle.

Secondo quanto riportato dal quotidiano Il Giorno, il povero animale si era fratturato una zampa scivolando in un crepaccio in Valmasino, a 2100 metri di altezza. L’asina era stata trovata deperita e sofferente, vegliata dal suo compagno, e per riportarla a valle era stato richiesto l’intervento dei Vigili del Fuoco che si erano recati in quota con il loro elicottero.

Tuttavia, durante il trasporto l’imbracatura che l’avvolgeva si è rotta e l’asinello è caduta, schiantandosi al suolo. Sia mamma che cucciolo, che sarebbe nato il prossimo dicembre, sono purtroppo morti sul colpo.

Non è chiaro chi sia o sarà ritenuto responsabile per quanto accaduto. Sul posto, per effettuare il soccorso, erano presenti un medico ASL e diversi Vigili del Fuoco. Tuttavia, pare che il materiale dell’imbracatura fosse scadente e non abbia retto il peso dell’animale. Sarà quasi certamente un’inchiesta aperta dal nucleo elicotteri della Malpensa ad accertare i dettagli dell’incidente.

Secondo la proprietaria dell’asina, l’allevatrice Carmen De Simoni, l’asinella – che si chiamava Bimba – era risultata fin da subito instabile nell’imbracatura: “Mi sembrava un po’ grande e, nelle prove che hanno effettuato, pareva facesse pendere un po’ troppo avanti l’animale. Ma, non essendo esperti, ci siamo fidati. Poi è successo quel che è successo”.

Nella foto: il corpo senza vita di Bimba e, sullo sfondo, l’elicottero che avrebbe dovuto portarla in salvo (fonte Il Giorno).

© All4Animals - tutti i diritti riservati - la riproduzione di questi contenuti è soggetta all'autorizzazione dell'autore degli stessi.

5 Commenti

  1. Io vorrei sapere chi paga per questo che è successo?

  2. Sempre e solo l’italia pressapochista al nord come al sud. Un grande dispiacere per l’asinella e il suo cucciolo, sicuramente saranno insieme sul Ponte dove nessun umano potrà più far loro del male.

  3. Dov’ e’ la professionalita’, questo e’ incompetenza.
    Avrei licenziato immediatamente certo gente.
    Bimba ora sarai curata lassu’ nella luce bianca dorata.

  4. in tutte le cose ci vuole la serietà,e buon senso…….troppe volte si lavora con “più o meno va bene così”,questi i risultati(come i ragazzi che si lanciano nel vuoto legati con l’elastico e si viene a sapere dopo lo schianto che il materiale nn era stato cambiato nn era stato controllato ecc ecc…..l’italia dei quaraquaqua parla parla e nessuno fa’….povere creature…..

  5. Questa notizia è tristissima… È triste (ed anche assurdo), che si possa supporre di trasportare un’asina incinta (ossia più di 200 Kg di peso), come fosse nulla, con materiali scadenti e dunque pericolosi. È triste che insieme a Bimba sia morto anche il suo cucciolo. Ed è lacerante quella veglia del compagno, perché ci insegna… ci sbatte in faccia come uno schiaffo, anzi, che l’amore è dedizione, dedizione totale. Noi, esseri indubbiamente umani, abbiamo dimenticato molti buoni sentimenti, primo fra tutti l’amore, il suo significato nei fatti.
    Arrivederci, Bimba. Arrivederci, cucciolo mai nato…

I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo. Più info | Ok, Accetto!
Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com
error: A causa di comportamenti scorretti e illegali di alcuni siti, siamo stati costretti a disabilitare la possibilità di copiare i contenuti del blog. Ci scusiamo con i lettori per il disagio.