Home / Addii / Milano: gatto morente sotto l’acqua della fontana, con le zampe legate. Si indaga

Milano: gatto morente sotto l’acqua della fontana, con le zampe legate. Si indaga

Non è purtroppo riuscito a sopravvivere il micio trovato a Corsico, in provincia di Milano, torturato e ridotto in fin di vita. Il gatto è stato notato qualche giorno fa in una zona centrale della città, abbandonato sotto l’acqua corrente di una fontanella con le zampe legate da alcune fascette di plastica: nonostante gli sforzi dei veterinari, il povero animale non è purtroppo riuscito a sopravvivere. Dopo un iniziale momento di recupero, infatti, aveva cominciato a soffrire di gravi crisi epilettiche che lo sottoponevano a ulteriore sofferenza. Una sofferenza cui i veterinari hanno deciso di porre fine attraverso una pietosa eutanasia.

La storia del micio torturato e ridotto in fin di vita è stata resa nota su Facebook dall’associazione Tom&Jerry Cangattile, coinvolta nella vicenda assieme all’Ufficio Tutela Animali che, dopo il ritrovamento, si era subito recato sul posto per i primi soccorsi.

Le indagini per cercare di risalire ai responsabili dell’ennesima violenza ai danni di un animale indifeso sarebbero in corso: non si esclude, naturalmente, l’ipotesi della “bravata” (se così si può chiamare) da parte di qualche giovane annoiato, ma si battono anche le piste della vendetta personale o dello sfregio nei confronti dei gatti delle locali colonie feline.

Nella foto: il micio rimasto vittima della violenza, poco prima del decesso (fonte Tom&Jerry Cangattile su Facebook).

© All4Animals - tutti i diritti riservati - la riproduzione di questi contenuti è soggetta all'autorizzazione dell'autore degli stessi.

8 Commenti

  1. Per l’amore di Dio, Giuseppe: ci mancherebbe solo quello 🙁

  2. IO ..NON HO PIù PAROLE E LACRIME LE HO FINITE……….MA SAREBBE BELLO SE IN ITALIA CI FOSSE LIBERA VENDITA DI QUALUNQUE ARMA DA FUOCO!!!!!!!!!!!!!……….

  3. riposa in pace piccolo tesoro

  4. Un atto vile di crudeltà che ci dice che ci sono individui che molto presto passeranno a fare queste cose alle persone più deboli.

    Mi auguro che questo infame balordo venga preso e paghi con estrema durezza.

  5. Non so più che dire ogni giorno ci sono notizie sempre più tremende, sempre più crudeli ai danni di queste creature. Quanto alle indagini quand’anche si scoprisse il colpevole cosa volete che gli succeda? UN c…o di NULLA perchè così funzionano (anzi non funzionano) le cose in questo paese. Addio piccolo sul Ponte troverai di sicuro tutto ciò che non hai avuto in terra.

  6. Perché perché perché perché perché perché perché…?!?!?!?!?
    ~
    Arrivederci, dolce piccino ~~~<3 Credo a presto.

  7. non sono bravate(rompere un vetro, tirare sassi contro i lampioni,quelle sono bravate)non è più accettabile una violenza così gratuita nei confronti degli animali,basta vi prego con il buonismo e sempre a voler trovare un perché,non esiste perché bisogna fare e dire basta……e farsi un’esame di coscienza,forse abbiamo lasciato correre un po’ troppo, e troppe volte ci siamo girati dall’altra parte,le manifestazioni che ultimamente hanno luogo nei vari paesi dove c’è stato un caso grave di maltrattamento mi fa pensare che molti si stanno stancando di restare fermi, le cose possono ancora cambiare,ma siamo al limite…..

  8. pazzesco

I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo. Più info | Ok, Accetto!
Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com
error: A causa di comportamenti scorretti e illegali di alcuni siti, siamo stati costretti a disabilitare la possibilità di copiare i contenuti del blog. Ci scusiamo con i lettori per il disagio.