Macrolibrarsi.it un circuito per lettori senza limiti
Home / Cronaca / Verona: relegato da mesi a vivere solo sul balcone. Cane sequestrato

Verona: relegato da mesi a vivere solo sul balcone. Cane sequestrato

Un cane di razza labrador è stato sequestrato a Nogarole Rocca, Verona una volta assodato che, da mesi, era suo malgrado stato relegato a vivere solamente sul balcone di casa. L’animale poteva solamente osservare lo svolgersi dell’esistenza della sua famiglia, guardandola attraverso il vetro della porta finestra.

Secondo quanto pubblicato da VeronaSera, il pavimento del balcone era completamente ricoperto di escrementi solidi e liquidi poiché il cane non era solito uscire in passeggiata. Inoltre, l’animale non risultava avere alcun riparo né dal sole né dalle intemperie, ed era costretto a sdraiarsi sulle sue stesse feci.

Il sequestro del cane segna il terzo del medesimo tipo negli ultimi giorni, ed è stato effettuato da due guardie forestali intervenute sul posto. Così Jack – questo il nome del labrador – potrà avere quantomeno la possibilità di vivere con qualcuno che lo tenga in considerazione: affidato alla locale sede della LAV, verrà dato in adozione.

Il sequestro di Jack è avvenuto dopo un’indagine durata tre mesi, durante la quale è stato assodato che l’animale viveva sul balcone in pianta stabile. Il cane era stato acquistato da cucciolo come giocattolo per i bambini di casa e poi, una volta venuto a noia, era stato relegato fuori.

Commenta la responsabile di LAV Verona, Lorella Zanaboni: “La storia di Jack è comune purtroppo a quella di molti altri animali d’affezione, che sempre più frequentemente vengono costretti a vivere su balconi e terrazze degli appartamenti anche in condizioni climatiche avverse e pericolose per la loro salute. Riceviamo continue segnalazioni e richieste di intervento per situazioni simili. Chi si prende in casa un animale ha l’obbligo di garantirgli un livello accettabile di benessere: lo impone la legge e soprattutto il buonsenso”.

Non è chiaro se l’ex famiglia di Jack avrà, per l’azione compiuta, ripercussioni legali.

Foto: archivio.

© All4Animals - tutti i diritti riservati - la riproduzione di questi contenuti è soggetta all'autorizzazione dell'autore degli stessi.

5 Commenti

  1. Già, complimenti per il tempismo! Tre mesi per rendersi conto che un cane non è tenuto come si deve è quasi un record! Ma per piacere! Ma perché certi idioti prendono un animale senza valutare bene di che cosa ha bisogno?

  2. La denuncia dovrebbe scattare d’ufficio una volta che i pubblici funzionari, a seguito dell’indagine, abbiano proceduto al sequestro del cagnolino.
    Almeno io sapevo così, ma considerato che siamo in un paesedimmmerda, mi aspetto di tutto.

    Si ringraziano i forestali, e chi ha fatto sì che il cane venisse sequestrato a seguito di segnalazione (molto importante!).

    Mi rimane assurdo credere che ci siano voluti tre mesi per arrivare ad un esito (parziale per ora in quanto c’è stato solamente il sequestro, visto che per il penale se ne passerà…purtroppo), possibile tutto ciò?

    Agli infami vigliacchi e criminali c’è solo un rimedio, la galera e i lavori forzati per pagarsi la vacanza a strisce.

    Che schifo di gentaglia.

  3. troppo spesso si sottovalutano le ripercussioni terribili che questi comportamenti hanno sulla psiche dell’animale, il cane non capisce per quale motivo non può partecipare alla vita della propria famiglia, che è la cosa per lui più importante, l’unica cosa che conta…
    li può vedere socializzare tra loro ma non può partecipare, è una vera e propria violenza psicologica…
    poi subentra il senso di punizione, la depressione, l’apatia…
    è una cosa terribile da infliggere ad un animale sociale come il cane e troppa gente lo fa senza pensarci…

  4. Questi avevano scambiato un cane per un cactus!
    A certa gente dovrebbe essere vietato tenere un animale (ed anche i cactus)!

  5. Stiano tranquilli questi figuri (non so altrimenti come chiamarli) non ci sarà nessuna ripercussione perchè quando di un “giocattolo” ci si stufa lo si butta. e non ho comprensione nemmeno per i pargoletti che di sicuro avranno trattato anzi maltrattato questa creatura appunto come un giocattolo!

I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo. Più info | Ok, Accetto!
Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com