Home / Cronaca / Savona, ancora intolleranza: fucilate sparate addosso a un gatto nero

Savona, ancora intolleranza: fucilate sparate addosso a un gatto nero

Un gatto nero soccorso da ENPA e portato di corsa dal veterinario con la convinzione che fosse stato investito da un’auto è invece risultato essere vittima di due colpi di fucile.

È accaduto a Varazze, in provincia di Savona, dove casi di intolleranza nei confronti degli animali e di chi di loro si prende cura sono già stati ripetutamente registrati.

A occuparsi del micio è stato il servizio veterinario ASL2 che, a seguito dei necessari accertamenti, ha assodato che l’animale portava in corpo due pallottole di fucile Flobert: una si trovava nel femore e l’altra nel bacino. Gli arti posteriori del gatto risultavano pertanto paralizzati.

L’intervento chirurgico di urgenza al quale è stato sottoposto avrebbe, fortunatamente, risolto gran parte del danno. Il micio tuttavia, pur riuscendo piano piano a riacquistare funzionalità del treno posteriore, risulta in stato di shock e molto spaventato. ENPA Savona ritiene tuttavia che, con la pazienza e le necessarie cure, riacquisterà fiducia nell’uomo.

Si trova ora ricoverato nella sede dell’associazione in via Cavour, 48. Verrà dato in adozione casomai nessuno si presentasse a reclamarlo come proprio.

ENPA spiega che le sue guardie zoofile stanno ora investigando per risalire alle generalità dell’aguzzino e invita chiunque abbia informazioni in merito a denunciare immediatamente.

Foto: il micio colpito dalle fucilate (fonte IVG).

© All4Animals - tutti i diritti riservati - la riproduzione di questi contenuti è soggetta all'autorizzazione dell'autore degli stessi.

4 Commenti

  1. La vendita di queste vere e proprie armi deve essere regolamentata e non può più essere libera ed anonima.

    Questo è l’ennesimo atto di vile vigliaccheria ai danni di chi si fa semplicemente i fatti suoi!

    Ma c’è un odio atavico ed insormontabile nel savonese per i gatti?
    E’ una cosa incredibile!

    Questo micio è davvero di una bellezza incantevole, come si fa a sparare ad un animale del genere?

  2. Certo che Savona e provincia si colloca ai primi posti nella classifica dei maltrattamenti e abusi verso queste creature. Quanto all’individuazione del colpevole la vedo assai dura, ammesso che qualcuno sappia o abbia visto vige, in questi casi, un silenzio omertoso perchè la sensibilità verso gli animali non è certo un patrimonio degli italiani (e neanche degli altri popoli se è per questo)

  3. Intolleranza e soprattutto ignoranza sono nemiche della buona creanza. Siamo a un passo dall’inferno in terra, molto molto più crudele dell’inferno delle favole bibliche.
    ~
    Grazie a coloro che hanno soccorso e salvato questa splendido micione!

  4. povero micio!!non se ne può più di tutto questa cattiveria e crudeltà gratuita verso creature indifese!!è una vergogna

I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo. Più info | Ok, Accetto!
Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com
error: A causa di comportamenti scorretti e illegali di alcuni siti, siamo stati costretti a disabilitare la possibilità di copiare i contenuti del blog. Ci scusiamo con i lettori per il disagio.