Macrolibrarsi.it un circuito per lettori senza limiti
Home / Addii / Imperia, automobilista investe e uccide cane. Il proprietario: “Fatti guardare negli occhi”

Imperia, automobilista investe e uccide cane. Il proprietario: “Fatti guardare negli occhi”

Si chiama Jody di Bernardo e, fino a qualche giorno fa, condivideva la sua vita con una cagnolina di nome Shana. Lo scorso 21 luglio, però, Shana è stata travolta e uccisa dall’ennesimo pirata della strada che, non fermandosi a prestarle soccorso, ha contravvenuto al Codice della Strada macchiandosi del reato di omissione di soccorso.

Shana era scomparsa da casa da qualche ora e il suo corpo senza vita è stato trovato in Corso Garibaldi, a Ivrea.

Il suo proprietario è disperato.

“Il responsabile non si è neanche fermato. Io mi chiedo con quale cuore una persona possa fare ciò. Se qualcuno avesse visto qualcosa, avesse sentito qualcosa, vi chiedo di farmi avere notizie o di farsi avanti. Voglio guardarlo negli occhi e chiedergli con quale coraggio ha continuato la sua corsa in macchina”.

“In quell’impatto ho perso una parte di me, un’amica, un amore, una compagna di vita. Non puoi fregartene e andare via, non puoi”.

Nella foto: Shana, il cane ucciso (fonte ImperiaPost).

© All4Animals - tutti i diritti riservati - la riproduzione di questi contenuti è soggetta all'autorizzazione dell'autore degli stessi.

4 Commenti

  1. Mi dispiace molto, di gentaglia infame che non vale neanche l’aria sporca che respira purtroppo è pieno il mondo.

    Ma rifare il codice della strada no?

    Che tristezza.

  2. Comprendo benissimo la disperazione dell’amico (non mi piace la parola proprietario) di Shana e esprimo qui tutta la mia vicinanza, ma contemporaneamente non ho nessuna speranza che l’assassino (perchè di questo si tratta) si faccia vivo: chi investe un animale e fugge non tornerà indietro certo almeno per chiedere scusa.

  3. Avevo solo otto anni quando un bastardo umano ammazzò il mio dolcissimo Balù sotto i miei occhi esterrefatti e disperati, quel maledetto Lunedì.
    Correva talmente forte, il bastardo, che il corpo del mio adorato cane fu letteralmente fracassato. Inutile dire che il bastardo non si fermò e nemmeno accennò a rallentare, proseguendo indisturbato la sua corsa in auto. Non c’era alcuna Legge, allora. Ma io sto ancora aspettando che al bastardo càpiti qualcosa che lo ripaghi per quel che fece quel lontano giorno. E accadrà. Ne sono certa.
    Comprendo dunque il dolore e la costernazione di questo signore. Comprendo che il suo Cuore sia a pezzi. E comprendo che voglia fare a pezzi anche l’bastardo vigliacco che ha strappato la vita alla sua amata Shana, anch’egli senza neppure rallentare…
    Lo trovi, il vigliacco… lo guardi negli occhi, sì, imprima nella sua memoria quei suoi occhi dozzinali. Ed attenda che il boomerang del male gli si sfaccia addosso.

    Un abbraccio a Lei.
    Elisabetta

  4. francesca spagna

    Quanto ti capisco…e quanto fa male la cattiveria umana senza più limiti…

I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo. Più info | Ok, Accetto!
Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com