Home / Cronaca / Milano: cane chiuso in auto sotto il sole, i cittadini danno l’allarme

Milano: cane chiuso in auto sotto il sole, i cittadini danno l’allarme

Si è fortunatamente conclusa con un lieto fine la vicenda del cane che lo scorso weekend, a Milano, è stato lasciato chiuso in auto sotto il sole cocente delle due del pomeriggio.

L’episodio è avvenuto in via Calvairate e ha scatenato l’allarme dei passanti, preoccupati del fatto che l’animale si trovasse sigillato in auto da oltre un’ora. I cittadini hanno dapprima cercato di coprire i finestrini con alcuni teli per evitare che il cane venisse colpito direttamente dai raggi solari, ma non era sufficiente: sono stati quindi contattati i Vigili del Fuoco, arrivati sul posto quasi contemporaneamente ai proprietari dell’auto.

I padroni del cane, anziché realizzare l’errore commesso, avrebbero reagito con stizza precisando che, al momento del parcheggio della vettura, c’era ombra.

Il cane, comunque, non ha riportato danni.

Foto: archivio.

© All4Animals - tutti i diritti riservati - la riproduzione di questi contenuti è soggetta all'autorizzazione dell'autore degli stessi.

3 Commenti

  1. La cosa più brutta è l’ignoranza miserabile di certa gentaglia.
    Grazie a tutti coloro che hanno dato l’allarme!

  2. Io se vedo un cane chiuso chiamo i Carabinieri, se stà soffrendo rompo il vetro!

  3. ma ho letto che per legge se una persona in questi casi interviene rompendo il vetro dell’auto non è più punibile, la prossima volta tirate giù il vetro……almeno se hanno un momento di stizza i proprietari del cane avranno ragione……..fatte tdc che sono…

I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo. Più info | Ok, Accetto!
Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com
error: A causa di comportamenti scorretti e illegali di alcuni siti, siamo stati costretti a disabilitare la possibilità di copiare i contenuti del blog. Ci scusiamo con i lettori per il disagio.