Home / Cronaca / ENPA: “Tra delfini detenuti e nidi distrutti, Rimini non è città amica degli animali”

ENPA: “Tra delfini detenuti e nidi distrutti, Rimini non è città amica degli animali”

“Mentre un numero crescente di città e comuni italiani, spinti dalla grande sensibilità degli italiani per la tutela e la protezione degli animali, sta facendo a gara per l’adozione di misure “animal friendly”, Rimini invece si muove in netta controtendenza e si candida a conquistare il poco invidiabile primato di città ostile agli animali. Purtroppo – spiega l’Enpa – la condotta seguita dall’amministrazione comunale su due questioni di primo piano, vale a dire la riapertura illegittima del delfinario e l’abbattimento degli alberi (con la conseguente distruzione dei nidi) per i cantieri della TRC (Trasporto Rapido Costiero) è stata lontana anni luce da quella linea di trasparenza e di legalità che in campagna elettorale il sindaco di Rimini, Andrea Gnassi, aveva promesso di seguire nel corso del suo mandato.

«Promesse che, come spesso accade in Italia, non hanno retto la prova dei fatti. Così è stato per il delfinario, che, nonostante la bocciatura dei ministeri competenti, ha potuto riaprire grazie ad un’autorizzazione pro tempore concessa proprio dall’amministrazione di Rimini come spettacolo viaggiante», commenta la presidente nazionale dell’Enpa, Carla Rocchi. «Così è stato, nel caso della realizzazione Trasporto Rapido Costiero, per l’abbattimento di numerosi alberi avvenuto proprio nel periodo della nidificazione dell’avifauna e della dipendenza dei piccoli dai genitori. E in aperta violazione delle norme europee, nazionali e regionali poste a tutela di una fase così delicata per la vita degli uccelli. Insomma se questa è l’idea di trasparenza del Sindaco Gnassi, c’è di che rallegrarsi.»

Di fronte ad un atteggiamento così ostile nei confronti degli animali, l’Enpa, che pure aveva scelto Rimini come sede di numerose iniziative ed attività sociali, preferisce guardare altrove puntando su realtà decisamente più attente e sensibili al rispetto degli esseri senzienti e della biodiversità, invitando i turisti a fare altrettanto. A visitare, ad esempio, la vicina Riccione che nel caso dell’abbattimento degli alberi per il TRC ha mostrato una maggiore disponibilità a trovare soluzioni ad impatto zero sulla fauna selvatica.

Cecilia Bravo

Presidente Ente Nazionale Protezione Animali – Onlus

Sezione Provinciale di Rimini”.

Comunicato stampa pubblicato da ENPA sezione Rimini sul quotidiano online RiminiToday, a questo link.

Foto: archivio.

© All4Animals - tutti i diritti riservati - la riproduzione di questi contenuti è soggetta all'autorizzazione dell'autore degli stessi.

2 Commenti

  1. Il profitto, il profitto, il profitto.

    Parla di come fare soldi alla gente e li vedrai pendere letteralmente dalle tue labbra.
    Posso capire e riconosco pienamente che i soldi siano un mezzo importante e convenzionalmente riconosciuto, universale, però ci sono dei limiti.

    I delfini?
    E lasciateli in pace, ma c’è una specie nel mondo che conosciamo che non è sfruttata dalla vile mano dell’uomo in qualche maniera?

    E basta!

  2. rimini pensa solo e soltanto ad attirare più vacanzieri e, si sa, che la maggior parte se ne frega degli animali e della natura.

I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo. Più info | Ok, Accetto!
Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com
error: A causa di comportamenti scorretti e illegali di alcuni siti, siamo stati costretti a disabilitare la possibilità di copiare i contenuti del blog. Ci scusiamo con i lettori per il disagio.