Home / Addii / Oristano e gli incendiari: centinaia gli animali morti tra le fiamme. Arresti

Oristano e gli incendiari: centinaia gli animali morti tra le fiamme. Arresti

Vi sono già degli arresti per gli incendi appiccati negli scorsi giorni ad Uras, nei pressi di Oristano, e che oltre a distruggere la vegetazione hanno anche sterminato un numero impressionante di animali.

Secondo quanto riportato da Meteoweb, i Carabinieri avrebbero fermato un imprenditore di 31 anni e un 56enne colto in flagranza di reato mentre innescava diversi incedi in località Crabai.

Le fiamme degli ultimi giorni hanno coperto una superficie di circa cinque ettari che ospitava oliveti, frutteti, vigneti, campi da tennis e da calcio, oltre naturalmente a zone boschive.

Sulla vicenda sta indagando anche il Corpo Forestale di Oristano, con appostamenti mirati e sofisticate strumentazioni elettroniche.

Nella foto: uno degli animali trovati uccisi (fonte Meteoweb).

© All4Animals - tutti i diritti riservati - la riproduzione di questi contenuti è soggetta all'autorizzazione dell'autore degli stessi.

3 Commenti

  1. Dategli l’ergastolo a questi schifosi miserabili!
    Oppure lasciateli bruciare nell’incendio!

  2. Non vorrei apparire irrispettosa nei confronti degli umani, ma quando leggo di catastrofi, naturali e non, mio primo pensiero è sempre lo stesso (“e gli animali?”).
    Non riesco a trovare un solo aggettivo che denoti certi abietti atti e certi ignobili individui, distruttori di tanta Bellezza e della vita.
    Sto vivendo un periodo molto delicato, prendendo coscienza sempre più della preziosità della vita. Certe aberrazioni “umane” non le ho mai capite, tanto meno ora.
    Che tristezza…

  3. Unico consiglio: una pallottola in testa… anzi due… meglio essere previdenti.

I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo. Più info | Ok, Accetto!
Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com
error: A causa di comportamenti scorretti e illegali di alcuni siti, siamo stati costretti a disabilitare la possibilità di copiare i contenuti del blog. Ci scusiamo con i lettori per il disagio.