Home / Addii / Orrore a Grosseto: capriolo investito e ferito. Automobilista lo lapida a morte

Orrore a Grosseto: capriolo investito e ferito. Automobilista lo lapida a morte

Abbiamo avuto modo di prendere visione le immagini del capriolo che qualche giorno fa in provincia di Grosseto, è stato letteralmente lapidato da un automobilista. Sono immagini raccapriccianti, per gli occhi e l’anima, e per questa ragione ve le proporremo solamente in versione censurata: riteniamo che il racconto di quanto avvenuto sia già abbastanza eloquente.

Testimone della scena, che si è consumata di notte tra Batignano e Nomadelfia, è stato un giovane che ha chiamato i soccorsi e, successivamente, resa nota la vicenda unitamente alle immagini. Il ragazzo si è detto giustamente molto turbato da quanto visto e ha riferito di essere scoppiato in lacrime.

Un automobilista che aveva appena investito un capriolo, spezzandogli una zampa e sbattendolo a lato strada ma non uccidendolo, è sceso dalla vettura e ha deciso di finire l’animale colpendolo a pietrate sulla testa e sul ventre.

Ha desistito dal suo intento e si è allontanato solamente quando si è reso conto di essere osservato dal ragazzo. Quest’ultimo, dopo aver chiesto l’intervento sul posto dei veterinari e delle autorità, non ha potuto che assistere impotente all’abbattimento del capriolo sofferente e indifeso, che è stato addormentato per sempre con una iniezione letale.

La persona, se così la si può definire, che ha cercato di ammazzare un animale ferito a colpi di pietra avrebbe dovuto – per legge – chiamare i soccorsi: ha infatti contravvenuto alle nuove regole del codice della strada e di fatto si è macchiato del reato di omissione di soccorso, oltre che di quello di maltrattamento di animali.

La provincia di Grosseto è comunque, in questo momento, a caccia di caprioli: così sarà fino al 15 di luglio. Poi l’attività venatoria si fermerà per un mese, per ripartire a Ferragosto.

Giacomo Bottinelli, responsabile LAV Grosseto, sottolinea la poca differenza che corre tra la fine fatta dal capriolo lapidato e quella cui sono destinati tanti suoi simili: “I cittadini, nel momento in cui si indignano per fatti come quello di Nomadelfia, devono ricordare tutte quelle vittime uccise legalmente dai cacciatori e anche le vittime umane dirette e indirette della caccia e dei cacciatori, ancora purtroppo difesi da leggi che consentono di sparare ad animali inermi e di entrare in proprietà private. Superare la caccia, anche quella di selezione e contenimento, e rivolgersi a metodi non cruenti per il controllo della specie, è l’unica via civile che una società possa percorrere nel momento in cui riconosce all’altro il diritto alla vita e a non soffrire”.

Detto questo, LAV Grosseto definisce quanto accaduto a Nomadelfia “un fatto tremendo che lascia tutti allibiti”.

Foto: il capriolo ferito a morte e, accanto, le pietre usate dall’automobilista per colpirlo (fonte Gianpaolo Lanfrancotti su Facebook).

© All4Animals - tutti i diritti riservati - la riproduzione di questi contenuti è soggetta all'autorizzazione dell'autore degli stessi.

6 Commenti

  1. E’ un vero assassino questo, senza nessuno scrupolo.
    Un mostro, un criminale senza pietà alcuna.

    Deve pagare per la sadica crudeltà nei confronti di questo sfortunato animale.

    E’ uno schifo.

  2. Gli umani… io non ho veramente più parole… tra questa notizia e quella della cucciola a cui hanno strappato le zampette, la mia speranza per il futuro è un asteroide.

  3. Gli animali sonovamabili forti generosi………dobbiamo solo amarli tutelarli proteggerli…….loro ti daranno molto di piu!! Aiutiamoli a vivere in sicurezza Francesca e Sergio gaspari

  4. Senza parole….davvero. Probabilmente, anche chiamando i soccorsi, non sarebbe arrivato nessuno, visto l’andazzo quando succedono questo cose, però almeno provarci …..

  5. siamo circondati da psicopatici è inutile……non c’è possibilità di sfuggire ai pazzi…..

  6. Ma si stanno facendo indagini per individuare il criminale?

I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo. Più info | Ok, Accetto!
Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com
error: A causa di comportamenti scorretti e illegali di alcuni siti, siamo stati costretti a disabilitare la possibilità di copiare i contenuti del blog. Ci scusiamo con i lettori per il disagio.