Home / Cronaca / Massa: litiga con la fidanzata e per dispetto abbandona il cane sotto il sole cocente

Massa: litiga con la fidanzata e per dispetto abbandona il cane sotto il sole cocente

Un 24enne di Massa ha deciso di fare un dispetto alla sua fidanzata abbandonando il suo cane sotto il sole, legato all’ingresso del canile di Montepepe. La coppia aveva precedentemente litigato.

A farne le spese è stato l’animale, un meticcio di due anni che, legato, non ha potuto trovare riparo dal sole cocente per almeno otto ore prima di essere notato da una volontaria del canile, che lo ha subito soccorso e dissetato.

Commenta Roberto Guelfi, presidente dell’associazione che gestisce il rifugio: “Il cane era lì da alcune ore, in stato di disidratazione. A circa due ore dal recupero, si è presentata al canile una ragazza in lacrime, cercando la bestiola e raccontando che il suo compagno, dopo una lite avuta poco prima con lei, aveva deciso di vendicarsi parcheggiando il cane davanti all’entrata del canile”.

A quanto risulta, la ragazza si sarebbe rifiutata di denunciare il giovane ma avrebbe (ri)adottato il cane e comunicato di voler interrompere la relazione con l’uomo.

La consulente legale del canile, Alessandra Margara, racconta: “La giovane aveva chiesto inizialmente che le venisse consegnato il cane, ma non era la legittima proprietaria. Adesso la situazione è decisamente più chiara. È emerso che, già all’inizio della scorsa estate, c’era già stato un tentativo di disfarsi della bestiola perché ritenuta troppo rumorosa. L’animale adesso è in condizioni stabili: denunceremo sicuramente la persona per l’atto compiuto, perché questo è l’unico modo per combattere gli abbandoni”.

Foto: archivio.

© All4Animals - tutti i diritti riservati - la riproduzione di questi contenuti è soggetta all'autorizzazione dell'autore degli stessi.

3 Commenti

  1. tenetelo in canile starà sempre meglio che con quei due ********. Stefania

  2. Ma il cane di chi era?
    Se il cane era dell’infame, si ravvisano i reati penali di abbandono e maltrattamento;
    Se il cane era della ragazza si può aggiungere ai summenzionati anche il reato di appropriazione indebita o addirittura furto visto che la legge italiana considera gli animali in una dualistica visione giuridica (sociale anche..), nettamente contrastante in sè per sè defindendo gli animali come “cose” quindi passibili di furto e/o appropriazione indebita tra le varie, sebbene riconoscendo i summenzionati come esseri senzienti e quindi soggetti giuridici da tutelare (in teoria, sulla carta stando alle varie sentenze).

    Si comunque, che schifo è?

  3. io denuncerei pure la tizia, ma che roba è???

I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo. Più info | Ok, Accetto!
Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com
error: A causa di comportamenti scorretti e illegali di alcuni siti, siamo stati costretti a disabilitare la possibilità di copiare i contenuti del blog. Ci scusiamo con i lettori per il disagio.