Home / Cronaca / La Spezia: il cucciolo di capriolo disperso in mare. Salvato dalla Polizia di Stato

La Spezia: il cucciolo di capriolo disperso in mare. Salvato dalla Polizia di Stato

È stata la Squadra Nautica della Polizia di Stato ad intervenire per portare in salvo un cucciolo di capriolo trovato a nuotare al largo della costa di La Spezia.

A notare per primo il piccolo è stato un cittadino che si trovava a bordo di una imbarcazione: inspiegabilmente, l’animale aveva raggiunto il mare aperto e sarebbe annegato senza adeguato e urgente intervento. Non è escluso che sia precipitato da una scogliera delle Cinque Terre e poi abbia completamente perso l’orientamento.

L’immediato intervento delle forze dell’ordine ha, fortunatamente, evitato il peggio: caricato a bordo di una imbarcazione, il baby capriolo è risultato turbato ma in buone condizioni di salute e privo di ferite evidenti. È stato successivamente affidato al Corpo Forestale dello Stato che si occuperà di accertarne le condizioni per poi liberarlo.

Nella foto: il piccolo soccorso (fonte Repubblica).

© All4Animals - tutti i diritti riservati - la riproduzione di questi contenuti è soggetta all'autorizzazione dell'autore degli stessi.

3 Commenti

  1. Mitici!!!
    Grazie 😀

  2. pensa un po’…sono riusciti a tirare fuori dall’acqua un capriolo…….e una decina di persone sempre in divisa non sono riusciti a prendere un cinghiale in terraferma narcotizzato poi ucciso…..a riprova che tutte queste selezioni per entrare nelle forze dell’ordine non sempre vanno a buon fine……complimenti a questi poliziotti GRAZIE…..

  3. Grazie di cuore alla Polizia di Stato.

I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo. Più info | Ok, Accetto!
Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com
error: A causa di comportamenti scorretti e illegali di alcuni siti, siamo stati costretti a disabilitare la possibilità di copiare i contenuti del blog. Ci scusiamo con i lettori per il disagio.