Home / Cronaca / Roma: alla protesta contro le botticelle volano calci e spintoni agli attivisti

Roma: alla protesta contro le botticelle volano calci e spintoni agli attivisti

Alcuni attivisti che protestavano al Pantheon di Roma contro l’inutile crudeltà delle botticelle sono stati vittima di aggressioni. È avvenuto lo scorso weekend, quando una trentina di persona ha esposto uno striscione che chiedeva l’abolizione di questa pratica arretrata e inutile: in due occasione, prima una donna e poi un uomo hanno tentato di strapparlo di mano agli attivisti, e sono volati calci e spintoni nei loro confronti.

Infine, sul posto sono intervenuti i Vigili Urbani e la Polizia di Stato per riportare la calma.

La manifestazione era organizzata da OIPA, che ha presentato denuncia per le aggressioni subite, ma vedeva anche l’adesione di LAV. Quest’ultima ha, peraltro, raccolto oltre 15mila firma per mettere fine al servizio a trazione ippica e riconvertirlo in altra attività per salvaguardare i posti di lavoro.

Non è la prima volta che gli attivisti che manifestano contro le botticelle sono oggetto di minacce e aggressioni da parte dei vetturini e dei loro accoliti. Ne avevamo già parlato qui.

Foto: archivio.

© All4Animals - tutti i diritti riservati - la riproduzione di questi contenuti è soggetta all'autorizzazione dell'autore degli stessi.

Un commento

  1. E certo… minacce e le botte questa è n’altra mafia.
    Ma la guardia di finanza, dove cazzo sta?

    Turisti che pagano centinaia di euro per fare un giretto, prezzi maggiorati, evasione fiscale totale.

    Sento puzza di copertura politica, come sempre.

I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo. Più info | Ok, Accetto!
Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com
error: A causa di comportamenti scorretti e illegali di alcuni siti, siamo stati costretti a disabilitare la possibilità di copiare i contenuti del blog. Ci scusiamo con i lettori per il disagio.