Home / Addii / Aosta: spaccò la testa a una vitellina di 15 giorni. A processo allevatore

Aosta: spaccò la testa a una vitellina di 15 giorni. A processo allevatore

Un allevatore di 53 anni di Ollomont, in provincia di Aosta, dovrà rispondere dell’accusa di maltrattamento di animali per aver picchiato con violenza una vitellina. L’animale, di solamente quindici giorni di età, venne trovata abbandonata in condizioni tali da costringere i veterinari alla soppressione: qualcuno le aveva provocato una violentissima lesione alla testa causata da un corpo contundente. In pratica, l’aveva percossa brutalmente al capo fino a fratturarlo.

Accusato del reato è il suo proprietario, Bruno Bal.

Il direttore dell’Istituto Zooprofilattico incaricato della perizia, dottor Riccardo Orusa, racconta: “La vitellina era in condizioni di sofferenza conclamata, con sintomi clinici che facevano propendere per un esito infausto. Riscontrai fuoriuscita di tessuto cerebrale, ritenni ci fosse stata violenza nei confronti dell’animale”.

In aula, il sovrintendente del Corpo Forestale dello Stato della Stazione di Valpelline che trovò l’animale ha così testimoniato: “Nessuno degli allevatori della zona ci diceva di aver smarrito una vitellina, così iniziammo una scrematura sulla base delle mucche che avevano partorito nelle varie stalle”. Fu quest’indagine a portare gli inquirenti in direzione di Bal: una delle sue mucche risultò essere la madre della vitellina abbandonata a seguito di un esame del DNA con sicurezza del 95%.

Il legale dell’allevatore proclama l’innocenza del suo cliente, sostenendo che il 53enne si era limitato a smarrire la vitellina, e chiede la derubricazione del reato da maltrattamento a semplice abbandono di animali.

La sentenza non è ancora stata emessa.

Foto: archivio.

© All4Animals - tutti i diritti riservati - la riproduzione di questi contenuti è soggetta all'autorizzazione dell'autore degli stessi.

4 Commenti

  1. Che voglia di usare il badile su quella testa …

  2. Certo che alcuni avvocati amano la ricerca della verità….

  3. Spero che si inizi a produrre una serie ben strutturata di precedenti penali (anche sanzioni amministrative elevate) in materia di maltrattamenti di animali cd “da reddito”.

    Questo è un atto vile, crudele ed insensato.
    Spero che sia condannato al massimo della pena e nel minor tempo possibile.

  4. madò…ma come si fa a commentare?

I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo. Più info | Ok, Accetto!
Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com
error: A causa di comportamenti scorretti e illegali di alcuni siti, siamo stati costretti a disabilitare la possibilità di copiare i contenuti del blog. Ci scusiamo con i lettori per il disagio.