Home / Cronaca / Napoli: il rifugio infernale per cani, coi corpi nelle fosse comuni. Condannato titolare

Napoli: il rifugio infernale per cani, coi corpi nelle fosse comuni. Condannato titolare

Si chiama Antonio Buonocore il presidente dell’associazione Mastino Napoletano condannato a Napoli ad una pena di un anno e quattro mesi (naturalmente sospesa). Secondo quanto riportato dal magazine online NelCuore, l’uomo era responsabile della gestione infernale di un rifugio per cani che, negli anni Novanta, per una convenzione con l’amministrazione del Comune di Napoli, ospitava a pagamento i randagi.

In particolare, Buonocore è stato ritenuto colpevole dal Tribunale di Napoli dei reati di maltrattamento di animali e truffa ai danni del Comune.

A incastrare il titolare del canile sarebbero state le riprese video effettuate dagli ex soci in affari, che mostravano uno scenario infernale all’interno della struttura, con cani lasciati a morire senza adeguate cure veterinarie, cagne in compagnia di cuccioli vivi e morti, tutti insieme, locali sporchi e ricoperti di feci, e vere e proprie fosse comuni in cui venivano gettati i corpi degli animali.

Buonocore avrebbe anche prodotto documenti falsi nei quali faceva risultare che, all’interno del canile, tutto andava bene, e che testimoniavano almeno undici adozioni del tutto fasulle. Inoltre, ad almeno cinque cani vivi erano stati impiantati microchip estratti da esemplari morti, in modo da continuare a ricevere la diaria che l’amministrazione è tenuta a fornire per ciascun esemplare.

La sentenza è stata proclamata dopo un processo durato tre anni. Il dispiacere più grande, oltre alla lievità della pena, è naturalmente la sua sospensione.

Foto: archivio.

© All4Animals - tutti i diritti riservati - la riproduzione di questi contenuti è soggetta all'autorizzazione dell'autore degli stessi.

9 Commenti

  1. Su Facebook animalpeacelove ci sono alcuni filmati della procura

  2. Provate a non pagare le tasse o ad essere costretti a “rubare” 3 euro di mangiare e vedete come vi condannano alla galera a vita!
    Ma quale giustizia?
    I magistrati sono i primi ad essere contro la giustizia ed il buonsenso.

    Vergogna.

  3. Sicuramente Lui e il magistrato stanno unendosi in società per creare un’altro Canile..! AHUM AHUM..!!!

  4. non ci posso credere … questa è una sentenza giusta, civile ???? ma il che c… di paese viviamo qui ognuno fa quello che vuole, come vogliamo migliorare , un paese si vede dalla civiltà , capisco che qui ce ancora da imparare che schifooo

  5. E questa è la giustizia Italiana …
    Qui tutti fanno i cazzi loro e nessuno gli dice niente… E questa merda umana e come se gli avessero dato una pacca sulla spalla dicendo:” a a a sei stato cattivo, non lo fare più”.
    E tutti a casa ….
    Avrà capito?
    Si sarà pentito?
    Avrà confessato i suoi peccati alla parrocchia più vicino casa?
    Avrà pagato penitenza con 5 pater nostro e 10 ave Maria?
    Chissà …
    Sta di fatto che la giustizia non è stata fatta a quelle povere anime massacrare , violentate e gettate via come esseri privi di senso, sentimenti, amore…
    Chi sei tu uomo, per permettere tutto questo?
    E tu magistrato sei nulla se dai una sentenza x poi sospenderla..
    E perz timp e e parlat a vuoto…
    Bravi bravi….

  6. massimo de stefano

    I toni moderati e civili si possono riferire solo a persone e fatti moderati e civili, quindi nemmeno io potrò mai esprimere opinioni su questo vostro spazio.
    massimo de stefano

  7. Chi non ama gli animali non può amare i suoi simili.

  8. schifoso!

  9. de Letteriis Gerardo

    Non posso esprimere la mia opinione se non con toni non moderati ed incivili per questi soggetti. Non ho parole moderate.

I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo. Più info | Ok, Accetto!
Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com
error: A causa di comportamenti scorretti e illegali di alcuni siti, siamo stati costretti a disabilitare la possibilità di copiare i contenuti del blog. Ci scusiamo con i lettori per il disagio.