Home / Addii / Torino: legò il cane al trattore e lo trascinò fino ad ucciderlo. Pena: 4 mesi e una multa

Torino: legò il cane al trattore e lo trascinò fino ad ucciderlo. Pena: 4 mesi e una multa

Si è conclusa con una condanna lieve per il responsabile la vicenda del cane che, quattro anni fa, venne legato a un trattore e trascinato fino alla morte. L’aguzzino, il 73enne Giovanni Vernetti But di Ozegna, in provincia di Torino, è stato condannato a quattro mesi di reclusione (che difficilmente sconterà in carcere) e al pagamento di una multa di 4000 euro.

L’anziano, che è un contadino e possiede un’azienda agricola, ha sostenuto di aver ucciso in quel modo il cane perché, a suo dire, era in cattive condizioni di salute. Secondo il condannato, l’animale non era di sua proprietà ma, al contrario, era stato semplicemente trovato in quello stato.

Secondo l’accusa, But avrebbe quindi pensato di legarlo per il collo al suo trattore e trascinarlo nei campi per decine di metri fino ad ucciderlo. Successivamente, il 73enne avrebbe proceduto a seppellirne il corpo.

Alla scena dell’uccisione del cane avrebbe assistito un giardiniere che, turbato, avrebbe riferito il fatto ad una terza persona, la quale si sarebbe confidata infine con le forze dell’ordine.

Il magistrato che ha chiesto la condanna per l’anziano aguzzino ha definito quella del cane “una morte atroce”.

L’avvocatessa che ha difeso Giovanni Vernetti But ha controbattuto: “Il mio assistito ha particolare sensibilità per gli animali. Quel cane lo aveva raccolto dalla strada in pessime condizioni, malnutrito e malato. Quanto quest’ultimo, nonostante le cure, è deceduto, si è limitato a seppellirlo ma non gli ha usato alcuna crudeltà. Appena ottenute le motivazioni della sentenza faremo sicuro ricorso in appello”.

Foto: archivio.

© All4Animals - tutti i diritti riservati - la riproduzione di questi contenuti è soggetta all'autorizzazione dell'autore degli stessi.

Un commento

  1. Ah gli avvocati, certe volte mi sembra di sognare, sono senza vergogna, senza dignità, senza etica quando si ostinano a difendere l’indifendibile.

    Per quanto riguarda questo orrore sarebbe dovuta essere almeno a 4 anni la condanna, e considerando che siamo in italia, è pure una signora condanna, altro che 4 mesi e 2 lire.

    Che tristezza.

I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo. Più info | Ok, Accetto!
Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com
error: A causa di comportamenti scorretti e illegali di alcuni siti, siamo stati costretti a disabilitare la possibilità di copiare i contenuti del blog. Ci scusiamo con i lettori per il disagio.